Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Donne: 3 ore non retribuite in più dei maschi


In Italia, alle donne la cura della casa e agli uomini giardinaggio e riparazioni


FTAOnline News, Milano 15 Apr 2011 - 11:19

Il lavoro non si conclude in ufficio o in negozio e le donne italiane lo sanno bene o – almeno – meglio di quanto lo sappiano gli uomini. Una recente ricerca dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse) sul tema delle differenze tra uomini e donne nel mondo del lavoro sottolinea come in Italia il gentil sesso – quotidianamente e in parte senza retribuzione –si faccia carico di una mole di lavoro superiore a quella in cui sono impegnati gli uomini.

 

Tre ore al giorno di lavoro in più non retribuito

La ricerca dell’Ocse ha indagato su scala mondiale le differenze che intercorrono tra uomini e donne nel rapporto con il lavoro non retribuito.

 

La cura della casa e della famiglia è un’attività che richiede molto tempo e grande impegno, senza prevedere alcun ritorno economico, ma imponendo – talvolta – qualche sacrificio. Ebbene, secondo i risultati dell’indagine sono in maggioranza le donne a farsi carico di tutto ciò.

 

Nel dettaglio, l’Italia sembra essere uno dei Paesi dove il gap uomo-donna per quanto riguarda il lavoro non remunerato sembra essere più evidente. Stando alle rilevazioni, nel nostro Paese le donne dedicano ogni giorno 5 ore al lavoro in casa, mentre gli uomini solo un’ora e quaranta minuti.

 

Impegni diversi e motivazioni

Secondo l’Ocse, sulla situazione italiana (una delle peggiori del gruppo Ocse, meglio solo di India, Messico, Turchia e Portogallo) pesano due fattori: il basso tasso di occupazione femminile e un’impronta culturale che, ancora oggi, vede i lavori domestici come “dominio” esclusivo della donna (anche se, va detto, la situazione è notevolmente migliorata rispetto al passato: negli anni Novanta l'80% del lavoro in casa era svolto dalle donne, ora la percentuale è scesa al 71,5%).

 

L’importanza del fattore culturale si legge anche – probabilmente – andando a considerare quale sia la natura dei lavori non retribuiti che uomini e donne compiono: le donne si dedicano generalmente alla cucina, alle pulizie domestiche e alla cura dei familiari più deboli (bambini e anziani), mentre gli uomini si occupano piuttosto di giardinaggio e piccole riparazioni.

 

Curioso, infine, scoprire che, a livello generale, gli italiani dedicano il 15% del tempo della loro giornata a svolgere lavori non retribuiti e il 18% a svolgere lavori retribuiti.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.