Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Incidenti mortali al minimo dal dopoguerra


Nel 2010 l’Inail ha rilevato una riduzione importante sia degli infortuni sia delle morti sul lavoro


FTAOnline News Milano 25 Mar 2011 - 18:15

Nel 2010, rispetto al 2009, calano del 6,9% le morti sul lavoro, mentre gli infortuni sono in calo dell’1,9% rispetto all’anno precedente.

Secondo il principale sindacato italiano, la Cgil, occorre non abbassare la guardia e considerare la sicurezza sul lavoro un investimento e non un costo.

 

Incidenti mortali sul lavoro: mai così in basso dal dopoguerra

Nel 2010, gli incidenti sul lavoro – soprattutto quelli mortali – sono calati rispetto all’anno precedente, scendendo ai livelli più bassi dal dopoguerra.

 

La morte sul lavoro è un fenomeno – inaccettabile – che continua a esistere, ma ultimamente nel nostro Paese, in questo settore, sono stati compiuti alcuni passi avanti. Nel corso dell’anno passato, l’Inail ha rilevato rispetto al 2009 una flessione del 6,9% per quel che riguarda gli incidenti mortali sul lavori (980 in totale) e un calo dell’1,9% per quanto riguarda gli incidenti nel suo complesso.

 

È pur vero che, per essere letti correttamente, i dati riguardanti gli incidenti mortali devono essere presi in considerazione tenendo a mento il calo generalizzato dell’occupazione registrato negli ultimi anni.

 

Incidenti settore per settore

Ragionando per settori, l’industria registra un calo degli infortuni sul lavoro del 6,1% (a fronte di un calo occupazionale del 2,9%), mentre l’agricoltura fa registrare un calo percentuale del 4,9%.

Male, invece, il settore dei servizi, che ha avuto un aumento di infortuni dell’1,3%.

Analizzando nel dettaglio i dati riguardanti le morti sul lavoro, si scopre che il comparto più colpito è quello industriale (445 incidenti mortali, 205 dei quali nell’edilizia).

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.