Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

E - Commerce: nuove soluzioni per l'Imprenditoria in Rete


Fare impresa in rete è meno complicato di quanto si immagini. Non è infatti necessario spendere ingenti patrimoni, oggi sono disponibili sistemi meno costosi ma comunque efficienti


04 Giu 2008 - 11:27

Come Diventare Imprenditore sul web

“Fare impresa” in rete è meno complicato di quanto si immagini. Non è infatti necessario spendere ingenti patrimoni, come nel caso delle grandi imprese, per costosi sistemi di e-commerce, oggi sono disponibili sistemi meno costosi ma comunque efficienti.

Le piccole imprese potranno rivolgersi a pacchetti e soluzioni “chiavi in mano” disponibili in Rete in versioni più o meno per tutte le tasche. Quanti invece siano esperti nell’arte della programmazione possono costruire il loro negozio online con i linguaggi e i sistemi più diversi. I meno esigenti possono semplicemente aprire un negozio personale su eBay.

Rimane il fatto che per ogni categoria di utenza sarà indispensabile occuparsi di dettagli come i gateway di pagamento, le transazioni con Paypal, l’organizzazione delle spedizioni.

Un sistema a portata di tutti

Quale soluzione si prospetta per chi sia a corto di fondi e competenze ma abbia innovative soluzioni di business in mente?

Si chiama Shopify ed è un sistema di e-commerce dalla grafica pulita e dalla gestione immediata.

Il servizio è totalmente gratuito per un periodo di prova che corrisponde alla gestione completa dei primi cinque ordini e richiede una registrazione iniziale.

Dopo, occorre passare a un piano a pagamento: il piano “base” costa 24 dollari al mese, e si può comunque fare un upgrade in ogni momento. Shopify è ovviamente un sito di business, e lo scopo finale è quello di guadagnare in percentuale sulle vendite (2% nel caso del piano base).

Come si apre un negozio online?

Una volta avvenuta la registrazione si ottengono due indirizzi, quello del negozio pubblico (nomenegozio.shopify.com) e quello del back office (nomenegozio.shopify.com/admin), corrispondente alla parte di gestione degli ordini, in cui si caricheranno le descrizioni dei prodotti in vendita.

I “pro” e  i “contro” del sistema

Con Shopify, sebbene si possa gestire un marketplace a costi contenuti non si può ottenere una grafica personalizzata (da tenere presente che le vetrine online devono essere “appetibili” per richiamare clienti) né meccanismi di asta di alcun tipo (un tipo di scambio economico che è meglio lasciare al leader del settore eBay).

Un sistema molto flessibile che consente una semplice gestione degli ordini, può essere, come in questo caso, affiancato da un meccanismo di consegna e pagamento “manuale”.

Shopify offre inoltre la possibilità di gestire una politica di sconti personalizzata (diffusione di buoni sconto e coupon utilizzabili sul proprio negozio), oltre ad offrire una solida consulenza in tema di web marketing. Sul sito è disponibile una guida molto dettagliata, i link ai più noti programmi di web advertising e un pacchetto standard di SEO (search engine optimization) per il proprio negozio on line. Senza contare la possibilità di rendere più visibile il proprio negozio inserendolo nel Marketplace.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.