Poche donne al lavoro

Secondo l’Istat la percentuale di donne impegnate sul lavoro nel nostro Paese è al di sotto della media europea



FTAOnline, Milano, 18 Gen 2010 - 10:22

In Italia lavora meno di una donna su due, lo dice l’Istat nel suo rapporto sul mercato del lavoro italiano. È questo forse uno dei dati più preoccupanti per quanto riguarda il mondo dell’occupazione nel nostro Paese.

Il quadro complessivo della situazione mostra un’Italia in cui è occupato il 58,7% della popolazione di età compresa tra i 15 e i 63 anni. Nell’insieme totale, sono evidenti e ben marcate le differenze di genere: le donne contano sul totale della popolazione di riferimento per il 47,2%, mentre gli uomini pesano per ben il 70,3%. La maggiore disparità tra uomini e donne al lavoro si riscontra nelle zone del Mezzogiorno, mentre nelle grandi città le percentuali per i due sessi risultano più vicine.

Con questi dati, come tiene a precisare l’Istituto di Statistica nel proprio rapporto, l’Italia è ancora distante dai traguardi fissati a Lisbona, risultando al di sotto della media europea, soprattutto per quanto riguarda l’occupazione femminile.

Non tutti i comparti economici, però, vivono momenti assimilabili. Secondo i dati comunicati dall’Istat – e in questo caso riferiti al 2007 – la crescita economica è stata trainata a livello nazionale dal settore dei servizi. Nelle zone del Nord-Est e del Nord-Ovest è stata determinante la spinta del settore industriale, mentre l’agricoltura ha fatto registrare performance positive nel Nord-Est e nelle regioni centrali del Paese.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.