Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Durante la crisi persi 508 mila posti di lavoro


La Cisl lancia l’allarme durante l’ottavo rapporto sull’industria


FTAOnline News, Milano 01 Ago 2011 - 17:05

Qual è stato il reale impatto della crisi economica globale sul tessuto occupazionale italiano? Non indifferente; secondo la Cisl, negli ultimi tre anni si sarebbero persi nel solo settore industriale poco più di 500mila posti di lavoro, spingendo il comparto a livelli assai distanti da quelli pre-crisi.

Per combattere il momento di difficoltà, la Cisl sostiene la necessità di puntare sugli accordi contrattuali e le relazioni industriali per far aumentare la produttività. Serve anche un regime fiscale che sia favorevole a lavoratori e imprese.

Il quadro a tinte fosche dipinto dalla Cisl

Sono 508 mila i posti di lavoro persi  negli ultimi tre anni nell’industria. Nei primi 3 mesi del 2011, il livello di produzione del settore industriale è del 19% inferiore a quello dell'estate 2007.

A peggiorare il bilancio, poi, concorrono anche i numeri della cassa integrazione: sono 260mila i lavoratori che ne fruiscono, 174mila dei quali con prospettive occupazionali incerte.

Partendo da questi numeri, stilati nell'ottavo rapporto sull'industria, la Cisl suggerisce con decisione gli accordi contrattuali e le relazioni industriali per far aumentare la produttività come la strada maestra per uscire dal momento critico. Per sostenere la crescita invece servono – secondo il sindacato – interventi mirati alla creazione di un regime fiscale favorevole per lavoratori e imprese che investono.
Infine, l’ultimo punto sul quale concentrare la propria attenzione restano le infrastrutture, l’energia e la logistica.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.