Assunzioni: largo al credito di imposta

Sconti fiscali per i datori di lavoro che assumano a tempo indeterminato



FTAOnline News, 22 Gen 2009 - 11:34

Buone notizie per i datori di lavoro: le assunzioni a tempo indeterminato varranno significativi sconti fiscali. Stando ad una risoluzione dell’agenzia delle Entrate (la 14/E del 20 gennaio) infatti i datori di lavoro che assumano con contratto a tempo indeterminato soggetti già impiegati (anche presso altro datore di lavoro) in base a un contratto di lavoro a progetto, il cui termine sia scaduto, possono accedere al credito di imposta per l’incremento dell’occupazione.

Eccezioni

Non verranno invece premiate le assunzione a tempo indeterminato di un lavoratore impiegato con contratto di inserimento in corso di esecuzione.

Il Bonus

Il credito di imposta, fruibile per gli anni 2008, 2009 e 2010, corrisponde a 333 euro per ciascun lavoratore assunto e per ciascun mese (416 euro in caso di lavoratrici rientranti nella definizione di “lavoratore svantaggiato”) e spetta ai datori di lavoro che nel 2008 abbiano incrementato le assunzioni di lavoratori dipendenti con contratto a tempo indeterminato nelle aree svantaggiate.

Requisiti

Tra le condizioni di ammissibilità del beneficio, è previsto anche che “i lavoratori assunti per coprire i nuovi posti di lavoro creati non abbiano mai lavorato prima o abbiano perso o siano in procinto di perdere l’impiego precedente o siano portatori di, o siano lavoratrici donne rientranti nella definizione di lavoratore svantaggiato.

Sempre dalla normativa comunitaria (articolo 9, paragrafo 6, del regolamento (Ce) 2204/2002(1)) è stata ripresa la disposizione secondo cui “Non è in ogni caso agevolabile la mera conversione del contratto di lavoro a tempo determinato (anche se a contenuto formativo) in contratto a tempo indeterminato” (cfr circolare 48/2008, al paragrafo 4.12).

Gli esclusi

La risoluzione 14/2009 ricorda inoltre che i soggetti non ammessi al beneficio per esaurimento dei fondi stanziati possono presentare, in via telematica, dal 1° al 20 aprile degli anni 2009 e 2010 una nuova istanza. Le istanze rinnovate saranno ammesse all’agevolazione in base all’ordine cronologico di presentazione di quelle originarie e nei limiti delle risorse divenute disponibili.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.