Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

L’87% delle imprese ha crediti insoluti


I crediti che le imprese vantano nei confronti dei loro clienti sono in sospeso da anni


FTAOnline, Milano 30 Lug 2012 - 17:32

Un sondaggio condotto da Mediawatch pone l’accento sul momento di grave dificoltà vissuto dalle Pmi italiane anche a causa dell'annosa questione dei crediti insoluti che queste vantano nei confronti dei loro clienti.

I crediti insoluti, spina nel fianco delle PMI

Per le Pmi italiane i crediti insoluti rappresentano una vera e propria spina nel fianco. Secondo il sondaggio svolto da Mediawatch, circa l'82% delle 1.002 aziende prese in considerazione, attende di essere pagata dai propri clienti per il lavoro svolto da diversi mesi, in alcuni casi da anni. Un dato preoccupante, considerando il fatto che, nel 28% dei casi, la mancata riscossione del credito potrebbe portare alla chiusura dell'attività.

Come se non bastasse, il 57% del totale, continua Mediawatch, non riesce a pagare le cartelle esattoriali di Equitalia-Esatri, mentre il 72% è ricorso al recupero crediti attraverso aziende private specializzate in questo settore.

Per fronteggiare questa situazione, Mediawatch propone che lo stato accolga la cessione del credito delle aziende come pagamento dei debiti verso Equitalia-Esatri dando così la possibilità a molte attività di recuperare sul fronte liquidità.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.