Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

La cassa integrazione cresce, ma rallenta


Ad aprile, scendono del 5,7% su base mensile le ore di cig autorizzate


FTAOnline News, Milano 07 Mag 2010 - 10:38

Su base mensile rallenta il passo, in rapporto all’anno precedente, invece, la cassa integrazione non arresta la propria avanzata. La situazione del mondo del lavoro viene così descritta dai dati Inps relativi al mese di aprile. In prima analisi, si evidenziano la contrazione delle ore di cassa integrazione autorizzate rispetto al marzo e la costante crescite della cassa straordinaria. Per completare lo sguardo d’assieme, inoltre, si nota che il settore industriale e le regioni settentrionali del Paese sono gli ambiti in cui la cassa integrazione è meno diffusa.

 

I dati nel dettaglio

Nel mese di aprile le ore di cassa integrazione richieste e autorizzate sono state 115,6 milioni, il 5,7% in meno delle 122,6 milioni di marzo. Particolarmente marcata è risultata la riduzione fatta segnare dal settore della cassa integrazione ordinaria, che su base mensile ha manifestato una contrazione del 22,5%. Se nel raffronto mensile i dati potrebbero lasciare pensare a uno spiraglio di luce, continua a spaventare la loro lettura in chiave annuale: rispetto all’aprile 2009, infatti, le ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate sono aumentate del 52,9% (un anno fa erano state 75,6%).

 

Il punto di vista dell’Inps

Dall’Istituto nazionale di previdenza sociale, tuttavia, segnalano come il dato segnali un’inversione di rotta, seppur timida, rispetto al più recente passato. Numeri alla mano, Antonio Mastrapasqua, presidente dell’Inps, commenta: “È la prima volta nel corso del 2010 che le ore autorizzate di cig diminuiscono, mese su mese”. Entrando nel dettaglio della fotografia scattata dalle statistiche, poi, Mastrapasqua approfondisce l’analisi: “Si nota un comportamento differenziato nelle regioni e nei comparti. Nell'industria ad esempio, quindi nelle regioni del Nord più industrializzate, il ricorso alla cigo è più basso dello scorso anno”.

 

Ma la cassa integrazione straordinaria non molla

Diversi i dati che fanno riferimento alla sola cassa integrazione straordinaria. In questo caso, infatti, i numeri rendono conto di un aumento anche su scala mensile: in aprile sono state autorizzate 56,8 milioni di ore di cassa integrazione straordinaria, valide per un incremento dell’8% rispetto al mese precedente (+192% rispetto ad aprile 2009). Considerando, poi, i primi quattro mesi del 2010, si nota che, nel complesso, le ore autorizzate di cig (ordinaria, straordinaria e in deroga) sono state 415,7 milioni contro 204,8 milioni del primo quadrimestre 2009 (con un incremento che sul periodo è stato del 103%). Si tratta dunque di una progressione sensibile, che inizia a dare qualche segnale di decelerazione: nel 2009 le ore autorizzate di cig, rispetto al 2008, erano cresciute del 302%.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.