Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

Ammortizzatori sociali contro la crisi


Boom della cassa integrazione in dodici mesi (+925%).


FTAOnline, Milano 24 Apr 2009 - 10:30

Riflesso della crisi economica in atto continua il ricorso alla cassa integrazione che, solo nel mese di marzo, è cresciuta del 925% rispetto allo stesso mese del 2008 (nel trimestre +589%) mentre la straordinaria è salita del 102% (nel trimestre +51%). Più in generale non si arresta dunque la corsa agli ammortizzatori sociali soprattutto nel settore meccanico, seguito a breve distanza dal metallurgico, chimico e legno.

"Ancora una volta si nota un atteggiamento assai diversificato tra gli interventi ordinari e quelli straordinari" sottolinea l'Inps rilevando che "mentre le ore autorizzate di cassa integrazione ordinaria (78,8 milioni) mostrano un incremento eccezionale, quelle di cassa integrazione straordinaria (39,7 milioni) crescono a un ritmo compatibile con le dinamiche degli anni recenti. Dati pesanti ma ancora lontani da quelli degli anni '80 con una punta nell'85 di 144 milioni di ore di cigs nel primo trimestre dell'anno.

Cassa Integrazione guadagni   

In cosa consiste la cassa integrazione guadagni dunque? Si tratta di un intervento di sostegno per lavoratori di aziende in difficoltà, e si distingue in ordinaria e straordinaria.

Se la prima interviene per difficoltà temporanee e a carattere transitorio dell'industria (escluso l'artigianato) a prescindere dal numero di dipendenti, del settore edile e dell'agricoltura (per eventi metereologici), quella straordinaria invece è concessa nei casi di crisi, ristrutturazione, riorganizzazione, conversione produttiva, privatizzazioni, fallimento, ecc.. A poter usufruire di questo ammortizzatore sono le imprese industriali con più di 15 dipendenti e del commercio con più di 50, e alle aziende dell'editoria. Entrambi gli istituti garantiscono ai lavoratori messi in cassa integrazione, cioè temporaneamente sospesi dal lavoro, un sostegno al reddito.  

Gli ammortizzatori sociali

Non esiste naturalmente solo la cassa integrazione a far fronte alle crisi lavorative. Per ammortizzatori sociali si intende infatti un complesso ed articolato sistema di tutela  del reddito dei lavoratori che sono in procinto di perdere o hanno perso il posto di lavoro. Questo sistema è definito da specifiche norme di legge. Tra i principali troviamo, oltre alla già menzionata cassa integrazione guadagni (CIGS e CIGO):

  • Concessioni in deroga (CIGS - Mobilità - Disoccupazione speciale)
  • Contratti di solidarietà
  • Indennità di disoccupazione
  • Indennità di mobilità
  • Lavori socialmente utili
  • Progetti e programmi di incentivazione al reinserimento o inserimento lavorativo.

A questo sistema si accompagnano misure speciali, dedicate ai lavoratori che appartengono a settori non tutelati dalle misure sopra descritte o che non possono più utilizzarle per vincoli legislativi.

Alla medesima area tematica afferiscono anche misure speciali destinate a soggetti disoccupati o inoccupati che beneficiano di sostegno al reddito (ad esempio i lavoratori socialmente utili) nonché programmi di reinserimento lavorativo sponsorizzati da Ministero del Lavoro e Regioni.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.