Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Lavoro

2011 anno del rilancio dell’occupazione?


Unioncamere e Ministero del Lavoro prospettano una crescita delle assunzioni rispetto al quarto trimestre 2010.


FTAOnline News Milano 23 Mar 2011 - 15:54

Unioncamere e Ministero del Lavoro sondano i programmi di assunzione delle imprese italiane, ponendo particolare attenzione su quelli che sono i piani delle aziende con meno di 250 dipendenti. Dall’indagine trapela un cauto ottimismo riguardo l’anno in corso: l’occupazione dovrebbe crescere rispetto al quarto trimestre 2010. Le prospettive migliori le ha chi è in possesso di una laurea o di un diploma, anche se molte delle assunzioni previste continuano a essere a termine.

Previste quasi 100.000 assunzioni di cui il 54% nel Centro Nord
Dopo anni di crisi, tornano a crescere le prospettive di occupazione – soprattutto per quanto riguarda il segmento delle PMI. Le rilevazioni di Unioncamere e del Ministero del Lavoro (condotte su aziende con meno di 250 dipendenti) stimano che il primo trimestre 2011 abbia visto 99mila assunzioni nelle piccole e medie imprese (nel 54% deci casi nel Centro Nord).

 

Secondo le previsioni, migliorano le opportunità di trovare un lavoro per chi è laureato o in possesso di un diploma, con il 53,2% delle imprese intenzionate a offrire delle opportunità di lavoro.

 

Le imprese si dimostrano di nuovo disponibili ad assumere giovani in uscita dal sistema formativo: tra le nuove assunzioni, il 54,3% potrebbero interessare proprio giovani freschi di studio. A venire ricercati dalle aziende non saranno solo diplomati e laureati, ma anche operai specializzati.

 

Tra le imprese, cauto ottimismo

I segnali positivi ci sono, ma molte aziende si approcciano all’ipotetica ripresa con cauto ottimismo. In molti casi, infatti, il livello occupazionale rimane sostanzialmente invariato rispetto a un anno fa, soprattutto nei settori delle Costruzioni e nel Manifatturiero.

 

Secondo il Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, persiste un disallineamento tra le richieste del mercato e le competenze disponibili dei lavoratori; la crescita, perciò, sarebbe frenata anche dalla scarsa disponibilità da parte di alcuni lavoratori a svolgere determinate mansioni.






Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.