Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

In calo le richieste di cassaintegrazione e Aspi

Ma l’uscita dalla crisi è lontana: è boom della cassa integrazione straordinaria



FTAOnline, Milano, 13 Giu 2014 - 17:41

Finalmente qualche bella notizia dal mondo del lavoro. Ci sono alcuni piccoli segnali positivi, come il calo delle richieste di cassa integrazione ordinaria e dell’indennità di disoccupazione (ora Aspi), ma certo ancora non si può parlare di crisi alle spalle: le richieste di disoccupazione straordinaria hanno infatti registrare un vero e proprio boom.

In mezzo a qualche buon segno, gli ammortizzatori sociali cambiano volto
Vista dal comparto degli ammortizzatori sociali erogati, la situazione economica generale del Paese lascia scorgere qualche segnale timidamente positivo.
A maggio, infatti, sono risultate in calo del 3,9% rispetto allo stesso mese del 2013 le ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate, per un totale di 96,4 milioni.

Per quanto riguarda le vecchie “indennità di disoccupazione”, sostituite da AspI e mini AsPI, l’Inps rende noto che, ad aprile 2014, sono state presentate 91.090 domande di ASpI, 29.048 domande di mini ASpI, 269 domande tra disoccupazione ordinaria e speciale edile e 8.888 domande di mobilità, per un totale di 129.295 domande, con un calo dell'8,8% rispetto alle domande presentate nel mese di aprile 2013.

A raffreddare i facili entusasmi, però, arriva il dato riguardante la cassa integrazione straordinaria: in questo caso, le ore autorizzate a maggio 2014 sono salite del 31,4% rispetto all’anno precedente. Rispetto al mese di aprile 2014 la crescita è del 12,1%.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.