Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
Fisco

Fisco: i dipendenti dichiarano più degli imprenditori


Aumenta il divario tra ricchi e poveri, ma permane il problema evasione fiscale


FTAOnline, Milano 02 Apr 2014 - 18:57

Cresce il reddito medio degli italiani per merito delle pensioni, ma aumenta anche il divario tra ricchi e poveri. Il lavoratori autonomi sono la categoria con il reddito medio più elevato mentre flettono i redditi da attività imprenditoriali e professionali.

Lo spettro dell’evasione fiscale si aggira ancora per l’Italia
Secondo una recente statistica del Ministero del Tesoro, durante il 2012 gli italiani hanno guadagnato qualcosina di più rispetto all’anno precedente,  grazie alla crescita dei redditi delle pensioni (+1,4%), mentre complessivamente più di 41,4 milioni di contribuenti (+0,2% rispetto all’anno precedente) hanno presentato la dichiarazione dei redditi tramite il Modello Unico, il /30 o indirettamente con il 770.

Nel 2012 il reddito dichiarato a livello nazionale è stato in media di 19.750 euro (+0,5% rispetto all'anno precedente), se però si depura questo dato dalle deviazione generate dai valori più elevati il valore scende a 15.654 euro un valore che non è superato dalla metà dei contribuenti.

Se si analizza la dinamica dei redditi alla luce della loro distribuzione si evidenziano dei forti squilibri: il 5% dei contribuenti più ricchi detiene infatti il 22,7% del reddito complessivo una fetta maggiore di quella detenuta dalla metà dei contribuenti con i redditi più bassi.

Dal punto di vista delle categorie i lavoratori autonomi hanno il reddito più alto con 36.070 euro mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è pari a 17.470 euro a fronte di un reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti di 20.280 euro.

Sembra, stando alle cifre, che i dipendenti guadagnino meno dei loro datori di lavoro e che paghino perciò più tasse. Una anomalia alla quale concorrono anche meccanismi evasivi ed elusivi.

Per tutti si sente la crisi. Il Tesoro ha messo in evidenza che, considerando l’inflazione, dal 2008 al 2012 il reddito medio degli autonomi è diminuito del 14,3%, quello degli imprenditori dell’11% e quello dei dipendenti del 4,6 per cento. In crescita invece il reddito medio da pensione (+4,6%).

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.