Mutui: l’importo concesso è sempre meno

I mutui immobiliari erogati hanno registrato un ulteriore contrazione del -3,6% dell'importo medio rispetto al 2011.



Milano, FTAOnline, 02 Mag 2013 - 10:59

Secondo un’analisi realizzata dal CRIF Decision Solutions l’importo medio erogato per i mutui è sceso rispetto agli anni passati. Nel 2012, infatti, in media l’importo concesso per un mutuo si è attesto a 146.316 euro, il 3,6% in meno rispetto al 2011.

La classifica
In testa alla classifica delle regioni che concedono l’importo più alto del mutuo compare il Trentino Alto Adige con oltre 211mila euro, seguito dalla Lombardia, con circa 170mila e dall’Emilia Romagna con 153.172 euro. Quarto posto per il Veneto con 152.883 euro, seguito dalle Marche con 152.439 euro e dalla Toscana con 152.246 euro. Chiudono la classifica dei primi dieci posti il Lazio che registra un importo medio di 149.581 euro, la Valle D’Aosta con 140.639, il Friuli Venezia Giulia con 137.223, e la Campania con  137.196 euro. L’ultimo posto della classifica è occupato dalla Sardegna che con una media di 110.454 euro, dalla Calabria (110.519 euro) e dalla Puglia (116.311 euro).

Perché scende l’importo?
Secondo Daniela Bastianelli, research & innovation di Crif decision solutions, il calo dell’importo è una conseguenza di un anno di stasi per gli investimenti nel mattone da parte delle famiglie e nemmeno il prezzo delle case, diventato più conveniente, e l’esubero di offerta sul mercato, sono riusciti a stimolare la domanda di immobili residenziali.

La situazione in cui vive ora l’Italia non è certamente tra le più favorevoli e la disoccupazione giovanile, il clima di sfiducia e il calo dei consumi, specie quelli di beni durevoli, hanno fatto sì che le domande di finanziamenti da parte delle famiglie si rifletta su rate più contenute e importi medi più ridotti rispetto al recente passato. Inoltre, va detto che nel complesso, i mutui hanno evidenziato tassi di interesse sulle nuove erogazioni ancora elevati, che hanno scoraggiato eventuali richieste.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.