Mutui: sospensione delle rate sulla prima casa

Dal 27 aprile sarà possibile il Fondo Solidarietà.



FTAOnline, Milano, 22 Apr 2013 - 17:54

E’ stato ripristinato il Fondo di Solidarietà del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che permette ai cittadini in difficoltà di sospendere il pagamento dell’intera rata del mutuo per un periodo massimo di 18 mesi. Si tratta di un aiuto che permette ai lavoratori e ai giovani in difficoltà di organizzare le proprie spese sistemando i propri conti.

Come funziona
La riapertura del fondo è prevista per il prossimo 27 aprile e i fondi stanziati saranno utilizzati per sostenere i costi degli interessi maturati sul debito complessivo durante tutto il periodo di sospensione del pagamento delle rate del mutuo: in poche parole, il Fondo del Ministero ripaga alle banche il tasso d’interesse applicato al mutuo, ad esclusione della componente relativa allo spread.

I nuovi criteri previsti dalla legge e dal regolamento del Fondo prevedono che la sospensione è concessa per i mutui di importo erogato non superiore a 250.000, in ammortamento da almeno un anno, il cui titolare abbia un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 30.000 euro.

Per beneficiare del fondo di solidarietà per i mutui prima casa i mutuatari, tramite gli istituti di credito o gli intermediari finanziari, devono ottenere il nulla osta da parte della Consap, la Concessionaria servizi assicurativi pubblici nonché la società del Mef che gestisce il fondo. La richiesta si inoltra telematicamente e sul sito del Tesoro e della Consap a breve sarà disponibile la nuova modulistica per scaricare e presentare la domanda, dal 27 in poi.

Novità
Accanto al rifinanziamento, tuttavia, sono stati introdotti nuovi criteri per accedere al provvedimento sospensorio delle rate. I nuovi criteri stabiliscono che le banche possono accettare la richiesta di sospensione in caso di licenziamento da lavoro di tipo subordinato nei tre anni precedenti la richiesta stessa, ad esclusione dei casi di licenziamento per giusta causa. Rientrano nei criteri stabiliti, oltre ai casi di licenziamento, la morte e il riconoscimento di handicap o invalidità superiore all'ottanta percento.

Per tutte le informazioni del caso è sufficiente scaricare il bando ufficiale presente sul sito del Ministero.
Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.