Mutui: gli italiani pagano di più

Adusbef e Federconsumatori rivelano come l’Italia abbia il primato per costi più alti in tutta Europa.



FTAOnline, Milano, 02 Ott 2013 - 11:13

Dopo un leggero calo registrato ad aprile torna a crescere il differenziale di tasso tra i mutui e prestiti offerti in Italia e quelli proposti nel resto dell’UE e per Adusbef e Federconsumatori non ci sono dubbi: gli italiani sono taglieggiati dai prestiti e pagano i mutui più cari d’Europa.

Gli italiani sono taglieggiati dai prestiti
Secondo l’indagine condotta dalle due associazioni  di utenti e consumatori, non ci sono dubbi: le famiglie italiane sono strozzate e taglieggiate dai prestiti e risultano in Europa le più colpite con 30 mila euro in più da pagare per ogni mutuo da 100mila euro.
In Italia, infatti, un cittadino per un mutuo di 100 mila euro a 30 anni paga una rata mensile da 84 euro più alta rispetto ad  mutuatario europeo. Per lo stesso mutuo, ma estinto in vent’anni, un abitante italiano paga ugualmente una cifra maggiore, 18.480 euro in più di quanto avrebbe pagato in un altro paese comunitario.

Perché?
Perché i mutui italiani sono così cari? Secondo Adusbef e Federconsumatori la responsabilità ricade sulle banche che starebbero approfittando del basso livello dell’Euribor per i tassi variabili ed Eurirs per i tassi fissi (in leggera crescita a giugno) per imporre spread altissimi sui mutui. Pertanto la causa di questi altissimi interessi sui mutui e prestiti è lo spread bancario (aumentato fino anche del 150% rispetto al passato), una strategia che le banche adottano per garantirsi il guadagno sul finanziamento. 

Sarebbe necessario, secondo le due associazioni, a questo punto, che le autorità monetarie imponessero alle banche di riportare i tassi d’interesse allo stesso livello della media europea.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.