Nel 2013 gli affitti sono calati. Anzi no.

A confronto le opinioni di consumatori e agenti immobiliari sull'andamento del mercato



FTA Online, Milano, 14 Feb 2014 - 18:24

Quanto è forte realmente la stagnazione del mercato immobiliare e quale comparto tocca? Se le compravendite sono in frenata, si può dire lo stesso degli affitti? Un'indagine svolta dal portale Casa.it registra dati discordanti, almeno per quel che riguarda le sensazioni degli addetti ai lavori (1.000 quelli coinvolti) e dei consumatori (1.500 intervistati).

Sguardi diversi sul mercato
Finalizzata a cogliere le impressioni degli italiani e degli agenti immobiliari sull'andamento del mercato nel corso degli ultimi 12 mesi, la ricerca ha registrato le opinioni degli uni e degli altri.
Sostanziale concordia tra consumatori e addetti al settore per quanto riguarda le compravendite. Il 90% dei consumatori intervistati, infatti, ritiene che non sia il momento giusto per mettere sul mercato un immobile. Tale opinione trova riscontro nel dato che racconta come il 96% di italiani non abbia effettuato alcuna operazione immobiliare negli ultimi 12 mesi. La faccia opposta e concorde di questa medaglia è quella descritta dagli operatori immobiliari: per il 49% di loro, infatti, la situazione economica dell'ultimo anno ha causato una forte contrazione delle compravendite. L'analisi di professionisti e consumatori si conclude dunque nello stesso modo: il crollo delle transazioni immobiliari ha generato una progressiva diminuzione dei prezzi.

Ben altre risultanze sono quelle che si ottengono sul mondo degli affitti. In questo caso, gli agenti immobiliari danno conto di una decisa riduzione dei canoni, ma la stessa impressione è condivisa solo dal 15% dei consumatori intervistati. Nel 66% dei casi, infatti, gli italiani hanno affermato di  non avere percepito nessuna variazione degli affitti e il 69% degli interpellati ritiene che avverrà lo stesso anche nel corso dell'intero 2014.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.