Bonus prima casa 2021: novità in arrivo per gli under 36

Arriva l’incentivo volto a promuovere l’acquisto della casa da parte dei più giovani



FTA Online News, 20 Ott 2021 - 14:30

Prosegue la politica di sgravi fiscali da parte del Governo volta a incentivare l’acquisto della prima casa da parte dei giovani con importanti novità anche per quanto riguarda anche le pertinenze.
Vediamo insieme di che si tratta, quali sono i paletti fissati, e come richiedere il bonus.


 

Bonus prima casa 2021: in che cosa consiste? Chi può richiederlo e come?

Il Governo dà nuova linfa alle esenzioni e agli sgravi fiscali per incentivare l’acquisto della prima casa da parte di giovani under 36 con lo stanziamento di 347 milioni di euro per il 2021 e di 260 milioni di euro per il 2022.

Come accennato, il bonus spetta a tutti coloro i quali non hanno compiuto ancora 36 anni di età nell’anno solare in cui l’atto di acquisto è depositato ed è valido esclusivamente per gli atti stipulati tra il 26 maggio e il 30 giugno 2022.

Per usufruire del bonus è necessario non avere un reddito ISEE superiore a 40.000 euro annui e il richiedente non deve essere in possesso di altri immobili a uso abitativo salvo quelli acquisiti per successione anche in comunione con altri successori.

Non è invece necessario avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Nel dettaglio:

  • è prevista l’esenzione dall’imposta di registro e dall’imposta ipotecaria e catastale;
  • in caso di acquisto da parte di soggetti a IVA oltre all’esenzione dall’imposta di registro spetta un rimborso pari all’iva pagata la cui aliquota è, in questo caso, del 4%;
  • è prevista l’esenzione dall’imposta sostitutiva per i mutui erogati per l’acquisto, la costruzione e la ristrutturazione d’immobili a uso abitativo.

La domanda per poter accedere al bonus va presentata direttamente alla banca o all’intermediario finanziario aderente all’iniziativa tramite l’apposito modulo.

L’elenco degli istituti di credito aderenti è disponibile sul sito dell’ABI e su Consap.

 

Bonus prima casa 2021: vengono comprese anche le pertinenze

Un'altra importante novità rispetto a quanto già stabilito dal Decreto Sostegni Bis è che l’incentivo comprende anche le pertinenze come box e garage.

È possibile applicarlo anche agli immobili acquistati tramite asta giudiziaria ma sono esclusi i contratti preliminari di compravendita.

 

Articoli correlati

Mutuo prima casa giovani 2021: cosa cambia con il Decreto Sostegni bis?

Fondo garanzia prima casa: dopo la conferma che cosa cambia?

Fondo di garanzia 2021: lo Stato conferma la garanzia

 

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.