Infortuni sul lavoro, cosa sapere

Quali sono le indennità e gli interventi previsti dall’Inail nel caso in cui un lavoratore subisca un infortunio sul lavoro o contragga una malattia professionale?



FTAOnline News, Milano, 27 Ott 2008 - 11:41

Istituito nel 1898 l’Inail tutela le vittime degli infortuni sul lavoro, basandosi sulle disposizioni del Testo Unico sull'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro del 1965. Alcune novità legislative hanno modificato le tipologie di intervento e le indennità previste. Dal 2000, con l’approvazione del decreto n. 38, i lavoratori infortunati o affetti da malattia professionale hanno diritto all’erogazione, oltre all'indennità per mancata retribuzione dovuta all'astensione dal lavoro (indennità per inabilità temporanea assoluta), anche ad un indennizzo per la diminuita attitudine al lavoro, ad un risarcimento per l’eventuale danno biologico, alla rendita superstiti per i familiari in caso di morte. Come avviene la tutela dei lavoratori e come si ottiene l’indennizzo?

La procedura di denuncia infortunio

In caso di infortunio sul lavoro il dipendente deve procedere, quando possibile, ad informare immediatamente il datore di lavoro, presentare al datore di lavoro il primo certificato medico e, se le cure dovessero proseguire, il certificato compilato dal medico curante.
Il datore di lavoro dal canto suo avrà l’obbligo di inviare all’INAIL i certificati originali e, in caso di ricovero, l’ospedale invierà copia dei certificati all’INAIL ed al datore di lavoro.

L'INAIL eroga le prestazioni ai lavoratori infortunati o affetti da malattia professionale, anche nel caso in cui il datore di lavoro non sia in regola con il pagamento del premio (automaticità delle prestazioni).

Questo principio non è applicabile alle casalinghe e ai lavoratori autonomi.

Le prestazioni economiche INAIL, tranne l'indennità di temporanea, non sono soggette a tassazione, non sono pignorabili né cedibili.

L’accertamento del danno e l’indennità

Una volta appurata la guarigione clinica del soggetto l’Inail invita il lavoratore infortunato a sottoporsi a visita medico-legale per accertare e quantificare il danno permanente derivante dall’infortunio o dalla malattia professionale e stabilirne la relativa e commisurata indennità.
Nel caso in cui il grado accertato di danno sia compreso tra l11 e il 100% il lavoratore avrà diritto alla rendita Inail diretta per inabilità permanente;

Nel caso in cui il grado sia inferiore all’11% invece il lavoratore non avrà diritto alla rendita INAIL;

Se la lesione accertata è inferiore al 6% non sarà corrisposto al lavoratore alcun indennizzo.

Lavoratori interessati

A poter beneficiare della copertura assicurativa sono tutti i lavoratori che utilizzano macchine, apparecchi, impianti o che operano in  ambienti organizzati sia in Italia che in Europa alle dipendenze di persone fisiche o giuridiche, enti privati o pubblici, compresi artigiani, coltivatori diretti e parasubordinati.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.