Assicurazioni agricole: una buona “raccolta”

In netta espansione le polizze multirischio registrano un’annata positiva



FTAOnline News, Milano, 20 Ott 2008 - 10:41

Raccolta positiva per i prodotti multirischio e pluririschio  anche nel settore agricolo. Stando ai dati contenuti nell’edizione 2008 del rapporto Ismea sull’assicurazione agricola agevolata in Italia, le coperture assicurative starebbero cambiando natura. Si allarga dunque la richiesta di polizze onnicomprensive che, oltre dalla grandine, proteggano i raccolti da di danni da vento, gelo, eccesso di piogge, alluvioni, siccità.

Si tratta di uno studio che analizza le dinamiche del mercato assicurativo nel 2007, fornendo nello specifico dati e informazioni suddivisi per comparti e aree di intervento, approfondimenti sui premi pagati dagli agricoltori e aggiornamenti sui risultati del Fondo di riassicurazione, gestito da Ismea, giunto ormai al suo quarto anno di attività.

Polizze multirischio

Se fino al 2003 l’unico evento atmosferico avverso assicurato in volumi significativi era la grandine, nel 2007, come rilevato dal rapporto ISMEA, si registrano livelli significativi di coperture assicurative anche per altri eventi (come gelo, vento, etc.). Tali nuovi eventi sono assicurati, nella quasi totalità dei casi, mediante contratti assicurativi innovativi con soglia di danno al 30%:

  • polizze pluririschio, cresciute da una quota di mercato, in termini di valore assicurato, del 4,7% nel 2002 al 40% nel 2007;
  • polizze multirischio, del tutto assenti prima del 2003 e con una quota di mercato pari al 5,5% nel 2007.

Geografia e giro d’affari delle polizze

In aggiunta all'incremento delle tipologie di colture assicurate (da 58 del 2002 a 123 del 2007) e alla più ampia diffusione di coperture assicurative agricole agevolate, tradizionali e innovative, anche l'estensione ad aree geografiche italiane in cui in precedenza risultavano quasi o del tutto assenti. Nel 2007 - emerge ancora dall'analisi dell'Ismea - il mercato assicurativo agricolo in Italia ha raggiunto una dimensione, in termini di valore assicurato, di 4,4 miliardi di euro, registrando una crescita del 15,6 per cento su base annua. Il valore risarcito, l'ammontare cioè corrisposto dalle compagnie assicurative agli agricoltori a seguito del verificarsi dell'evento calamitoso, è aumentato del 26,2 per cento rispetto al 2006, superando 184 milioni di euro. Ha fatto invece segnare una contrazione del 6,6 per cento il dato sulle superfici assicurate nel 2007, sceso a 1.051.000 ettari, mentre sotto la tutela delle assicurazioni agevolate è stata posta una produzione complessiva di 16,3 milioni di tonnellate, in crescita del 10,3 per cento rispetto al 2006.

 

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.