Catastrofi, in arrivo l’assicurazione obbligatoria

Al vaglio la riforma della Protezione Civile



FTAOnline, Milano, 30 Nov 2009 - 12:43

Sorgerà dalle ceneri della catastrofe abruzzese la Protezione Civile SpA. Sebbene continui infatti a permanere il dipartimento in veste di amministrazione pubblica, la ricostruzione dei luoghi colpiti da catastrofe naturale sarà affidata ad una società per azioni. La proprietà della spa resterebbe certamente in mano allo Stato, ma la sua natura giuridica di tipo privatistico consentirebbe di fare assunzioni e assegnare incarichi di consulenza con molta libertà, senza essere vincolati dalle lunghe procedure previste per le amministrazioni pubbliche.

La riforma della Protezione Civile è affidata ad un decreto legge a breve in discussione al Consiglio dei Ministri.

L’obbligo di assicurazione

Il provvedimento potrebbe contenere tra le altre novità l'obbligo per tutti i proprietari di immobili di pagare un'assicurazione obbligatoria per coprirsi dai rischi di terremoto e di altre catastrofi naturali.

In questo modo lo Stato verrebbe sollevato dall'onere di risarcire le vittime dei disastri. Si tratterebbe in un certo senso di una tassa in più, con la differenza che a incassarla non sarebbe l'erario bensì un'assicurazione privata.

La divisione dei compiti

Secondo la bozza di decreto le due anime della Protezione Civile dovrebbero spartirsi i compiti di prevenzione da quelli di ricostruzione. Tutta l'attività che serve a prevenire le catastrofi (l'edilizia antisismica, gli interventi contro il dissesto idrogeologico) dovrebbe restare una responsabilità della Protezione civile vera e propria, così come l'organizzazione dei soccorsi nei momenti dell'emergenza. La missione della società per azioni sarebbe invece quella di gestire la seconda fase: ricostruire le infrastrutture, restaurare gli immobili danneggiati e distrutti, insomma tutta l'opera successiva ai primi aiuti, che richiede tempi lunghi e l'apporto di forti competenze tecniche.

Stabilizzazione dei precari

Il decreto in preparazione dovrebbe contenere anche una norma per stabilizzare i tanti precari della Protezione civile. Sebbene la loro assunzione non sia immediata, si prevede però che i contratti da co.co.co vengano trasformati in contratti a tempo determinato, da rinnovare automaticamente fino al giorno in cui sarà possibile assumerli definitivamente.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.