Assicurati sulla neve

Una polizza assicurativa può proteggere dagli imprevisti delle piste da sci



17 Gen 2011 - 17:42

Ginocchia che saltano, contusioni, legamenti stirati: ogni stagione sciistica lascia dietro di sé una discreta scia di infortuni. Chi ha un minimo d’esperienza lo sa: un infortunio in settimana bianca può rivelarsi molto fastidioso, sia perché rovina una vacanza pagata a caro prezzo sia perché può provocare problemi che si protraggono nel tempo. Per cautelarsi dai pericoli, così, il Centro Tutela Consumatori Utenti (CTCU) di Bolzano consiglia di prendere in considerazione l’ipotesi di presentarsi sulle piste solo dopo avere sottoscritto una polizza assicurativa.

 

La sicurezza in pista

Che coperture deve garantire la “polizza da sci” ideale, secondo il CTCU? Quella delle spese causate dall’infortunio e i danni provocati a terzi. Ogni sciatore prudente, insomma, per essere completamente al sicuro deve sottoscrivere un contratto assicurativo che offra la rete di protezione di una polizza infortuni e di una polizza di responsabilità civile privata.

 

Come spiega il CTCU, la "polizza infortuni" serve per fare fronte alle spese immediate dell'infortunio, ma anche gli aspetti finanziari di un'invalidità permanente. In caso di sinistro l'assicurato riceve liquidata una somma unica in conto capitale, la quale varia in relazione alla gravità dell'invalidità.

 

Siccome, però, sciando – se lo si fa in maniera disattenta – si possono provocare danni anche agli altri oltre che a se stessi, può rivelarsi assai preziosa una "polizza di responsabilità civile privata", che copra i danni subiti da terzi (non solo quelli sulle piste da sci) e ogni altro danno causato involontariamente dall'assicurato o dai suoi familiari (almeno quelli presenti sullo stato famiglia) nel proprio tempo libero a terzi.

 

I consigli del CTCU

Riguardo la polizza di responsabilità civile privata, il CTCU consiglia particolare attenzione ai consumatori nel momento della scelta: “Il massimale dovrebbe ammontare almeno ad 1 milione di euro - consiglia il CTCU - Non affidatevi troppo a quelle polizze di responsabilità civile offerte come prestazione accessoria di conti correnti, carte di credito o tessere associative, per il semplice motivo che, di solito, in queste polizze il massimale è assai basso, a volte troppo per offrire una valida ed efficace copertura dei rischi. Potrebbe capitare dunque che il consumatore debba risarcire di tasca propria ogni danno superiore al massimale. Alcuni gestori di zone sciistiche offrono anche delle polizze giornaliere, dietro pagamento di un piccolo costo aggiuntivo al biglietto. In ogni caso sono da preferire polizze annuali. In caso di sinistro l'assicurato deve contattare subito la propria assicurazione; la denuncia scritta va fatta entro 3 giorni”

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.