Aumento dei massimali: pro e contro

Previsto dall’Europa per il 2009 l’aumento dei risarcimenti per danni a cose e persone



FTAOnline, Milano, 23 Mar 2009 - 10:34

Cambierà a partire dall’11 dicembre di quest’anno l’ammontare dei massimali assicurativi, in recepimento di una direttiva europea. Clausola importantissima del contratto Rc auto, il massimale previsto dalla polizza auto riguarda la somma massima che la Compagnia assicuratrice è disposta a rimborsare al terzo danneggiato nel caso in cui sia il cliente a provocare l’incidente. Attualmente, il massimale minimo è attualmente di 775mila euro.

Nel caso cioè si investa una persona, l’Assicurazione pagherà i danni a quella persona fino al limite di 775mila euro. C’è però sempre la possibilità di richiedere all’assicuratore un massimale più alto, dietro il pagamento di un corrispettivo naturalmente. In genere per l’innalzamento del massimale viene richiesto il 2% in più per una copertura di 5 milioni di euro, ma i prezzi variano notevolmente secondo città, classe di merito, auto.

Punti di forza della nuova normativa

Secondo quanto stabilito a livello europeo i massimali avranno da fine anno una soglia più alta con un valore minimo di 2,5 milioni per i danni alle persone e di 500 mila euro per i danni alle cose.

Questo consentirà di ottenere maggiori garanzie in termini economici nel caso ci capiti un incidente. Stando alle rilevazioni ACI infatti non sono pochi gli incidenti in Italia. Solo nel 2007 si è infatti registrata una mortalità molto elevata su strada con 5.131 decessi e 328.850 feriti. Senza contare il fatto che l’incidente stradale è la principale causa di morte per i giovani tra i 18 e i 24 anni.

Il fenomeno è certamente correlato all’aumento esponenziale del parco auto circolante, passato tra il 1965 e il 2009 da 1,9 milioni a 35 milioni di vetture. Aumentano le macchine, le dimensioni dei veicoli e necessariamente il traffico, che condanna gli automobilisti ogni anno a 500 ore di code, per un totale di 21 giorni nel traffico.

Costi aggiuntivi

L’aumento dei massimali assicurativi non comporterà esborsi eccessivi per gli assicurati, che si troveranno a pagare un premio maggiorato di pochi euro (da 4 a 10 l’anno) in base alla compagnia assicuratrice, assicura l’Ania.

Glossario finanziario

Hai dei dubbi su qualche definizione? Consulta il glossario finanziario di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.