Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

I nuovi orari di negoziazione per il mercato IDEM

FTA Online News, 31 Gen 2020 - 12:13

Cosa cambia per il mercato IDEM dal 17 febbraio?

L’orario di negoziazione dei contratti future sull’indice FTSE MIB (FIB) e dei mini-future sull’indice FTSE MIB (Fib e MiniFIB) del mercato dei derivati viene esteso su nuove fasce orarie, modificando la fase di negoziazione continua dalle 8 alle 22. Ecco come cambiano le singole fasi:

  • dalle 07:45 alle 8:00 una fase di asta di apertura (pre-asta, validazione, apertura);
  • alle 8:00 comincerà la negoziazione in continua dei contratti (contro le ore 9:00 di oggi);
  • la negoziazione in continua dei contratti durerà fino alle 22:00 (contro le 20:30 di oggi).

 

Quali impatti ci si aspetta da questo cambiamento?

Esiste una tendenza dei mercati dei derivati ad ampliare le fasce orarie di negoziazione oltre i limiti attuali, in modo da attrarre nuove categorie di investitori che per vari motivi possono essere interessati a questa possibilità. Alcuni  Broker online e operatori professionali stranieri hanno manifestato l’esigenza di sfruttare nuove finestre di contrattazione. Ad esempio, per gli operatori statunitensi la semplice estensione fino alle 22 (ora di chiusura di Wall Street) degli orari di Borsa Italiana su FIB e MiniFIB consentirà di beneficiare di maggiori tempi di negoziazione sul mercato italiano rispetto a oggi.
L’estensione degli orari di contrattazione dei future sul paniere principale di Borsa Italiana (avvenuta nel 2017) ha già portato a un incremento dei volumi di circa il 2% per il FIB e di circa il 3,7% per il MiniFIB. Nella fascia estesa serale di contrattazione sono presenti volumi di scambio importanti che sono giunti a coprire anche il 10% del volume complessivo scambiato durante la giornata.
Invariato invece  il meccanismo del calcolo del prezzo di chiusura dei contratti che resta basato sulla media, ponderata per le quantità, dei prezzi dell’ultimo 5% dei contratti scambiati antecedenti le ore 17:38.

Quindi anche gli altri mercati hanno fatto la stessa scelta?

Diversi mercati e operatori europei hanno già compiuto ulteriori passi avanti in questa direzione. Alcuni del vecchio continente prevedono infatti oggi contrattazioni sul future sull’indice principale fino alle 22, intercettando in questa maniera l’interesse degli investitori d’Oltreoceano.
L’analisi dei contratti future sui maggiori indici europei rivela inoltre già oggi la possibilità di negoziare i future su panieri come STOXX, DAX, Cac 40 o Ftse 100 in fasce orarie precedenti l’orario di apertura tradizionale delle 9:00. Circa il 3% dei volumi scambiati su questi contratti transita sul mercato prima delle 9 del mattino e un altro 3% è negoziato dopo le 20:30.

 

Quali sono i vantaggi dell’estensione degli orari di negoziazione su IDEM?

Un più stretto parallelismo con le altre piazze finanziarie europee, con i mercati statunitensi e con quelli asiatici consentirà di cogliere  nuove opportunità e di attrarre nuovi flussi d’investimento. Si attiveranno anche nuove possibili strategie in combinazione con i future sui titoli del debito sovrano o con i future sui panieri di altri mercati. Già oggi l’Eurex prevede fasce di contrattazione di 21 ore su 24 e si avvicina dunque sempre di più alla contrattazione continua del mercato delle valute (Forex).
Nuove finestre di negoziazione sui contratti più rilevanti dell’IDEM, il FIB e il MiniFIB, permetteranno di attrarre operatori esteri attivi nei mercati asiatici e nei mercati statunitensi che potranno contrattare i future in orari più consoni.
Ne potrebbe risultare una crescita generale dei volumi su FIB e MiniFIB grazie anche all’effetto segnaletico delle nuove fasi di mercato: infatti con l’avvio delle negoziazioni dei future su indice un’ora prima rispetto all’apertura dei mercati azionari si potrà avere un’indicazione delle attese del mercato, sull’orientamento di come hanno chiuso i mercati asiatici. Il posticipo, invece, delle negoziazioni sui future sino alle 22 consentirà un allineamento con gli orari di chiusura dell’America, consentendo così agli investitori di beneficiare i trend direzionali al rialzo o al ribasso.

Nuovi orari di negoziazione IDEM


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.