Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Italian Sustainability Day 2019

02 Lug 2019 - 10:00

- Numeri record con oltre 30 società presenti, rappresentanti quasi il 50% della capitalizzazione di mercato

- Più di 330 incontri con 80 investitori domestici e internazionali, generalisti e specializzati ESG, in rappresentanza di oltre 50 case di investimento e asset owner

- Secondo l’ESG score di FTSE Russell, il mercato azionario italiano si posiziona sopra la media di mercato a livello globale per attenzione delle imprese agli aspetti ambientali, sociali e di governance

- Key note speech di Anastasios Xepapadeas, Professore dell’Università di Atene; Davide Ciferri, Sustainability Officer di Cassa Depositi e Prestiti; Edward  Baker, Senior Policy Advisor - Climate and Energy Transition, PRI

- Quattro panel di approfondimento sui temi del cambiamento climatico e della transizione verso un’economia sostenibile  

 

Oggi Borsa Italiana organizza l’Italian Sustainability Day 2019, giunto alla sua terza edizione e dedicato all’incontro e al dialogo tra imprese e investitori sui temi di sostenibilità, innovazione e crescita. Temi portanti di questa edizione sono il cambiamento climatico e la transizione verso un’economia più sostenibile e a minore impatto ambientale.

Nel corso della giornata, società e investitori hanno a disposizione un programma di approfondimento che tocca diverse aree tematiche. I quattro panel previsti hanno come protagonisti investitori e società quotate e non. I temi trattati spaziano dalle strategie adottate dai grandi player sui temi della transizione verso un’economia più sostenibile, low-carbon e circolare, al finanziamento delle attività sostenibili tramite emissione di Green, Social e Sustainable Bonds, all’attenzione che le PMI quotate e non quotate devono iniziare a dedicare alla comunicazione e gestione delle relazioni sulle tematiche ESG con gli stakeholder di mercato, all’importante contributo dei grandi leader di settore nel sensibilizzare le aziende appartenenti alle proprie catene di fornitura.

Questa edizione vede una prima parte dedicata ai keynote speech di Anastasios Xepapadeas, Professore dell’Università di Atene; Davide Ciferri, Sustainability Officer di Cassa Depositi e Prestiti ed Edward Baker, Senior Policy Advisor - Climate and Energy Transition, PRI. L’obiettivo è quello di dare una panoramica di come e perché i temi relativi al cambiamento climatico e alla sostenibilità siano rilevanti per i mercati finanziari e per gli investitori istituzionali. 

In parallelo al programma pubblico, 31 società quotate e 2 società non quotate incontrano 80 investitori domestici e internazionali in rappresentanza di oltre 50 asset owner e asset manager in più di 330 incontri dedicati al confronto sulle strategie ESG. Le 31 società quotate hanno una capitalizzazione aggregata di quasi 260 miliardi di Euro e rappresentano circa il 45% del listino in termini di market cap.

I dati elaborati da Borsa Italiana in base al FTSE Russell ESG score (un indicatore sintetico di mercato che aggrega oltre 300 variabili di sostenibilità e governance  calcolate a livello di singola società), mostrano come il mercato azionario italiano si posizioni per attenzione e disclosure delle imprese agli aspetti ambientali, sociali e di governance sopra la media mondiale e al quarto posto in Europa, a riprova dell’importante percorso fatto dalle società italiane quotate e dall’intero sistema finanziario in tema di sostenibilità.

Gli investitori integrano sempre più le variabili ESG all’interno delle proprie strategie d’investimento: a livello mondiale i firmatari dei Principles for Responsible Investment (associazione internazionale indipendente supportata dalle Nazioni Unite) gestiscono a oggi circa 85 mila miliardi di dollari. Il 70% dell’ammontare detenuto dai primi 15 investitori istituzionali nel FTSE MIB è riconducibile ai firmatari dei Principles for Responsible Investment.

L’Italian Sustainability Day rientra all’interno del programma più ampio degli Italian Equity Roadshow organizzati da Borsa Italiana per promuovere le società quotate presso la comunità finanziaria internazionale, toccando piazze e tematiche consolidate e offrendo agli emittenti la possibilità di testare l’interesse di nuovi investitori in aree geografiche ad alto potenziale di crescita e di nuove tipologie di investitori.

Borsa Italiana riveste un ruolo attivo nel promuovere la finanza sostenibile. Nell’ambito della sua missione è entrata a far parte della Sustainable Stock Exchanges Initiative, sostenuta dalle Nazioni Unite e partecipa inoltre al Technical Expert Group on Sustainable Finance (TEG) della Commissione Europea. È inoltre partner della Climate Bonds Initiative e, attraverso il London Stock Exchange Group, è tra gli osservatori dei Green Bonds Principles, International Capital Markets Association.

Le società che oggi incontrano gli investitori in occasione del Italian Sustainability Day sono: A2A, Amplifon, ASTM-SIAS, Banca Generali, Campari, CDP – Cassa Depositi e Prestiti, Cerved Group, CNH Industrial, COIMA RES, Enav, ENI, ERG, Falck Renewables, Ferrovie dello Stato Italiane, Fincantieri, FinecoBank, Generali, Hera, IGD-SIIQ, Intesa Sanpaolo, Iren, Italgas, Leonardo, Marr, Mediobanca, NB Aurora, Saipem, Snam, Telecom Italia, Terna, UniCredit, Unipol-Uniposai, Zignago Vetro.

L’evento è patrocinato da: Forum per la Finanza Sostenibile, Fondazione ENI Enrico Mattei (FEEM), UN Global Compact, Principles for Responsible Investment (PRI), Sustainable Stock Exchange Initiative (SSE).

Gli incontri tra le società quotate e gli investitori sono stati organizzati in collaborazione con Banca IMI, Equita SIM e Kepler-Cheuvreux-Unicredit.

L’evento è stato supportato da: Carbonsink, Datamaran, ELITE, Etica SGR, FTSE Russell, Georgeson.

Raffaele Jerusalmi, Amministratore Delegato di Borsa Italiana, ha detto:

“Borsa Italiana è in prima linea nella promozione di una cultura finanziaria sempre più orientata alle tematiche della finanza sostenibile. Oltre a sensibilizzare gli stakeholder facilitando il dialogo tra le imprese e gli investitori anche in merito ai temi ESG, Borsa Italiana mette a disposizione del mercato una serie di strumenti per meglio identificare e analizzare il mondo della finanza sostenibile come la Guida ESG, il cui fine è quello di sensibilizzare le società quotate e il framework di Governo Societario, dedicato alle PMI non quotate. I roadshow di Borsa Italiana, come l’Italian Sustainability Day, sono inoltre occasione di incontro, di riflessione e di condivisione in cui si delineano i prossimi passi verso una crescita sempre più sostenibile e a basso impatto ambientale”.

(pdffile pdf - 446 KB)

Archivio Comunicati stampa

2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007 | 2006 | 2005 | 2004 | 2003 | 2002 | 2001 | 2000 | 1999 | 1998 |


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.