Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

ExtraMOT PRO: tre nuovi titoli di Enel Finance International N.V.

17 Ott 2019 - 11:01

Entrano oggi in negoziazione su ExtraMOT PRO di Borsa Italiana tre nuovi titoli General Purpose SDG Linked da 2,5 miliardi di Euro di Enel Finance International N.V.

Le emissioni rientrano nel percorso di Enel verso una finanza sempre più sostenibile e ne rafforzano l’impegno al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite

Borsa Italiana dà oggi il benvenuto su ExtraMOT PRO al nuovo bond di Enel Finance International N.V., società finanziaria di diritto olandese controllata da Enel S.p.A., garantito da Enel S.p.A.

Si tratta di una emissione obbligazionaria “sostenibile” multi tranche per un controvalore complessivo di 2,5 miliardi di Euro e con scadenza nel 2024, 2027 e 2034 che consolida il percorso del Gruppo Enel verso una finanza  sostenibile, rafforzando l’impegno al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite. È il primo General Purpose SDG Linked Bond del Gruppo Enel per il mercato europeo.

L’emissione obbligazionaria è strutturata in tre tranches che presentano le seguenti caratteristiche:

· la prima tranche da 1.000 milioni di Euro, legata all’SDG 7 “Energia accessibile e pulita”, con un tasso fisso dello 0,000% e scadenza 17 giugno 2024;

· la seconda tranche da 1.000 milioni di Euro, legata all’SDG 7 “Energia accessibile e pulita”, con un tasso fisso dello 0,375% e scadenza 17 giugno 2027;

· la terza tranche da 500 milioni di Euro, legata all’SDG 13 “Lotta contro il cambiamento climatico”, con un tasso fisso dell’ 1,125%e scadenza 17 ottobre 2034.

Come indicato, questa emissione obbligazionaria, destinata a soddisfare l’ordinario fabbisogno finanziario del Gruppo, è legata alla capacità di Enel di raggiungere i seguenti obiettivi di sviluppo sostenibile:

              i.        SDG 7 “Energia accessibile e pulita”, tramite il raggiungimento, al 31 dicembre 2021, di una percentuale di capacità installata da fonti rinnovabili (su base consolidata) pari o superiore al 55% della capacità installata totale consolidata (al 30 giugno 2019 già pari al 45,9%);

             ii.        SDG 13 "Lotta contro il cambiamento climatico", tramite il raggiungimento, nel 2030, di un livello di emissioni dirette di gas ad effetto serra pari o inferiore a 125 g di CO2 per kWh (nel 2018 già pari a 369 g di CO2 per kWh), in linea con l’impegno a ridurre del 70% le proprie emissioni dirette di gas a effetto serra per kWh entro il 2030 rispetto ai valori del 2017, come certificato dalla Science Based Targets initiative (SBTi) e coerente con l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici.

L’eventuale mancato raggiungimento di detti obiettivi sostenibili, rispettivamente al 31 dicembre 2021 e al 31 dicembre 2030, si è tradotto nella previsione di un meccanismo di incremento di 25 punti base di ciascun tasso di interesse applicato alle tre tranches (c.d. step-up clause) secondo i relativi termini e condizioni.

Con le nuove emissioni di Enel Finance International N.V. i segmenti professionali del mercato ExtraMOT di Borsa Italiana contano ad oggi 378 strumenti quotati e 237 società emittenti.

Pietro Poletto, Global Head of Fixed Income Products and Co-Head of Equity, Funds & Fixed Income, Secondary Markets di Borsa Italiana, ha commentato:

“Siamo contenti di dare oggi il benvenuto su ExtraMOT PRO ai tre nuovi titoli di Enel Finance International N.V., ulteriore esempio del sempre maggiore interesse degli investitori di tutto il mondo rispetto alle tematiche ESG e di finanza a basso impatto ambientale. Queste nuove emissioni confermano l’impegno di Borsa Italiana nella promozione e nello sviluppo di un mercato obbligazionario caratterizzato da una cultura finanziaria sempre più sostenibile”.

Dcarica pdf (pdffile pdf - 351 KB)

Archivio Comunicati stampa

2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007 | 2006 | 2005 | 2004 | 2003 | 2002 | 2001 | 2000 | 1999 | 1998 |


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.