Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Prima Lounge ELITE dedicate all'imprenditoria femminile

17 Lug 2019 - 11:30

- La nuova Lounge ELITE Mediocredito Italiano, Gruppo Intesa Sanpaolo, è composta da 20 aziende caratterizzate da una grande attenzione alla gender diversity, con  una leadership femminile o una rilevante percentuale di occupati donne

Quarta classe della Lounge ELITE Mediocredito Italiano che ad oggi conta un totale di 85 società

ELITE raggiunge quota 1.224 società, di cui 752 italiane

Fatturato aggregato delle 20 nuove aziende pari a 900 milioni di euro per un totale di risorse impiegate che supera le 2.200 persone

- ELITE è la piattaforma internazionale del London Stock Exchange Group dedicata alle aziende ad alto potenziale di crescita                       

Parte oggi la quarta Lounge ELITE Mediocredito Italiano, la prima interamente dedicata alla leadership femminile. ELITE dà infatti il benvenuto a 20 nuove aziende italiane caratterizzate da una grande attenzione alla gender diversity, con una forte presenza femminile, grazie alla partnership strategica con Gruppo Intesa Sanpaolo, attraverso Mediocredito Italiano (struttura del Gruppo dedicata alle PMI) nel quadro della pluriennale collaborazione con Confindustria, che dal 2009 a oggi opera con numerose iniziative e strumenti innovativi a supporto dell’economia del Paese.

Il nuovo gruppo ha la caratteristica di incorporare aziende che hanno una leadership femminile o una rilevante percentuale di occupati donne. Le imprese sono state individuate anche grazie alla Fondazione Bellisario, tra le eccellenze del comune programma di valorizzazione imprenditoriale Women Value Company di Intesa Sanpaolo.  

In uno scenario economico complesso ed incerto, diventa sempre più importante il contributo femminile. Il potenziale ancora inespresso è enorme. Anche nel 2018, infatti, secondo un’indagine a cura della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo presentata in occasione del programma Women Value Company, l’Italia conferma un tasso di attività femminile tra i più bassi in Europa: 56,2% sul totale delle donne tra i 15 e i 64 anni (solo la Macedonia con il 52,2% e la Turchia con il 38,3% fanno peggio di noi). Un miglioramento c’è stato, rispetto al passato, ma a ritmi lenti, che mantengono l’Italia molto lontana dai livelli medi europei (68% nel 2018 per i paesi dell’area euro).

A fronte di un mercato del lavoro che rimane “difficile”, aumentano lievemente le cariche occupate da donne: secondo i dati Unioncamere, nel 2018 le donne con incarichi amministrativi nelle imprese italiane sono 2,5 milioni (il 27,6% del totale, lo 0,34% in più sul 2017). La maggior parte delle donne con cariche ha fondato la propria impresa o ne detiene partecipazioni: nel 2018 le imprese femminili sono oltre 1.337.000, 6.000 in più rispetto all’anno precedente, dato che porta a sfiorare il 22% sul totale delle imprese.

Il tasso di femminilizzazione delle imprese è più elevato nelle regioni del Mezzogiorno (23,8%, con punte del 27,8% in Molise e del 26,7% in Basilicata), a cui si deve circa il 50% della crescita registrata tra il 2017 ed il 2018. Si conferma la maggiore femminilizzazione delle imprese nelle altre attività dei servizi (50%), nella sanità (37,7%) e nell’istruzione (30,2%) ma anche la forte crescita della componente femminile nel turismo (+1.960 imprese nel 2018) e nelle attività professionali, scientifiche e tecniche (+1.480 imprese). Da segnalare il forte contributo alla crescita delle imprese straniere: nel 2018 ben 4.500 nuove imprese femminili su 6.000 sono straniere.

Con l’ingresso di questo nuovo gruppo di aziende, rappresentative di 10 diversi settori e provenienti da 10 regioni italiane, grazie alla partnership con il Gruppo Intesa Sanpaolo, ELITE raggiunge quota 1.224 società con ricavi aggregati di oltre 85 miliardi di Euro per più di 500.000 risorse impiegate.

ELITE è la piattaforma internazionale del London Stock Exchange Group, nata in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria, che si propone di accelerare la crescita delle società attraverso un innovativo percorso di sviluppo organizzativo e manageriale volto a rendere imprese già meritevoli ancora più competitive, più visibili e più attraenti nei confronti degli investitori a livello globale.

Obiettivo della Lounge ELITE Mediocredito Italiano è quello di offrire un ambiente esclusivo all’interno del network internazionale di ELITE, che metta il cliente della banca al centro di un network di opportunità, competenze e valore.

Luca Peyrano, Amministratore Delegato, ELITE, ha commentato:
“Siamo fortemente convinti che il futuro del nostro Paese sia legato alla capacità di potenziare e supportare le aziende virtuose. Siamo felici di dare oggi il benvenuto a 20 nuove società con una forte leadership femminile in grado di fornire un contributo concreto alla crescita dell’imprenditoria italiana. È importante continuare a valorizzare il talento femminile, ed ELITE, insieme al Gruppo Intesa Sanpaolo e Confindustria, condivide una strategia dedicata al sostegno del tessuto imprenditoriale italiano con anche un’attenzione sempre crescente alle tematiche di genere. L’impegno di ELITE in questo specifico ambito si inserisce all’interno di un piano più ampio del London Stock Exchange Group che ha l’obiettivo di raggiungere entro il 2020 la presenza femminile del 25/30% nei principali CdA del Gruppo e del 40% in tutte le componenti aziendali e a tutti i livelli di seniority”.

Stefano Barrese, Responsabile Divisione Banca dei Territori, Intesa Sanpaolo, ha dichiarato:

“Con questo quarto appuntamento in poco più di un anno, il Gruppo Intesa Sanpaolo con ELITE e Confindustria ha accompagnato quasi 90 imprese in uno straordinario percorso di incontro e di crescita. Per noi è motivo di grande soddisfazione e una conferma di quanta importanza attribuiamo al mondo delle PMI e ai loro progetti di sviluppo. Oggi, in particolare, diamo il benvenuto a 20 imprese femminili individuate, insieme con Fondazione Bellisario, tra le eccellenze del nostro comune programma di valorizzazione imprenditoriale Women Value Company, giunto quest’anno alla terza edizione. Rafforzando la relazione con partner come ELITE, Confindustria e Fondazione Bellisario infatti, siamo convinti di offrire all’imprenditoria italiana una comune visione prospettica e strategica per mettere in evidenza la qualità e l’unicità delle nostre PMI”.

Lella Golfo, Presidente, Fondazione Marisa Bellisario, ha affermato:

“Il percorso di valorizzazione delle PMI virtuose iniziato tre anni fa con il Premio Women Value Company ha dato frutti davvero sorprendenti e abbiamo accolto con grande entusiasmo questa nuova sfida. Il progetto promosso dal Gruppo Intesa Sanpaolo, ELITE e Confindustria ha già ottenuto risultati straordinari e sono certa che la platea di imprese femminili che abbiamo contribuito a individuare saprà cogliere la grande opportunità offerta. Siamo profondamente convinte che le donne e le piccole e medie imprese italiane rappresentino la vera risorsa per la crescita e il cambiamento e in Intesa Sanpaolo abbiamo trovato un interlocutore attento e lungimirante. Insieme, continueremo a investire energie e risorse per dare spazio e visibilità a quelle PMI che puntano su donne e innovazione, producendo ricchezza e progresso per il Paese”.

Marcella Panucci, Direttore Generale, Confindustria, ha dichiarato:
"Il programma ELITE ci vede impegnati in prima fila sin dalla sua nascita. Abbiamo investito e continuiamo a investire per promuoverlo e diffonderne la partecipazione tra le imprese associate. Per questo ci rende molto orgogliosi che oggi altre 20 imprese entrino a far parte di questo percorso di crescita ed eccellenza. Gran parte del successo di ELITE è dovuto proprio al fatto di essere, innanzi tutto, un programma per la crescita e non solo per la finanza alternativa e la quotazione. Quello che più di tutto serve alle nostre Pmi, infatti, è essere messe nella condizione di competere con i concorrenti europei attraverso il rafforzamento della struttura finanziaria, l'evoluzione culturale, la valorizzazione del patrimonio aziendale rappresentato dal capitale umano, finanziario e organizzativo. La cifra distintiva di questa nuova classe è di essere composta da tutte imprese femminili. Ringrazio per questo Intesa Sanpaolo, con la quale abbiamo una partnership consolidata grazie all'Accordo con Piccola Industria, e Fondazione Bellisario, alla quale ci lega un rapporto pluriennale ricco di iniziative. Attraverso il programma Women Value Company, da loro promosso, hanno permesso di individuare delle realtà imprenditoriali in cui il contributo femminile rappresenta un elemento determinante, un valore aggiunto, una risorsa su cui puntare soprattutto nel momento in cui si decide di intraprendere un complesso percorso di crescita che può avere come traguardo l'accesso ai mercati finanziari e dei capitali".

Le nuove società ELITE sono:

Elite Mediocredito Lounge

 

(pdffile pdf - 386 KB)

Archivio Comunicati stampa

2019 | 2018 | 2017 | 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007 | 2006 | 2005 | 2004 | 2003 | 2002 | 2001 | 2000 | 1999 | 1998 |


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.