Approfondimento

Tipologia

Ritorno Assoluto (Alta Volatilità)

Obiettivo e politica di investimento

Il fondo, appartenente alla categoria FIDA Ritorno Assoluto (Alta Volatilità), ha la possibilità di investire in qualunque tipo di asset class senza alcuna restrizione geografica o settoriale. La politica di investimento, ai fini del controllo del rischio,limita al 60% del patrimonio l’investimento massimo in obbligazioni convertibili e titoli obbligazionari investment gradeefino ad un 20% in obbligazioni sia tradizionali che convertibili non investment grade. È previsto anche un limite di concentrazione del 10% su strumenti del risparmio gestito che investono nel mercato cinese e sui contigentconvertibles bonds. I derivati possono essere inseriti in portafoglio sia a fini di copertura che di investimento per incrementare l’esposizione a mercati ritenuti più redditizi. La flessibilità e la dinamicità della gestione può dare luogo ad una concentrazione del rischiodi portafoglio: il gestore infatti dichiara che in alcuni particolari periodi, al fine approfittare di maggiori opportunità di creazione di valore, vengano scelti determinati temi, come ad esempio una particolare area geografica, un settore o una asset class, sui quali focalizzare momentaneamente gli investimenti. Nel caso in cui venga attuata questa strategia e venga selezionato un tema molto circoscritto, il gestore implementeràunadiversificazione societaria per evitare concentrazioni troppo elevate in società a medio bassa capitalizzazione e correlate. Dato lo stile di gestione non viene dichiaratoalcun parametro di riferimento.

Analisi storica del fondo e del mercato di riferimento

Dal lancio, avvenuto a settembre 2015, il fondopresenta un andamento molto altalenante. La volatilità, su ogni orizzonte temporale, risulta di qualche punto percentuale al disopra di quella dell’indice FIDA FFI Azionari Globali (Mercati Emergenti e Sviluppati)Large e Mid Cap. Il drawdown è in linea con il mercato azionario e nel primo trimestre del 2020, periodo caratterizzato da una forte incertezza, si è attestato intorno al 38%. A fronte di un rischio significativo, su un orizzonte temporale di medio lungo periodo, quello più indicato per uno strumento di questo tipo, il fondo ha registrato una performance molto interessante che a fine 2019 era complessivamente intorno al 45%. Nel primo trimestre del 2020, il Nav del fondo è tornato a toccare il livello di parità e in quest’ultimo mese sembra riprendersi dalla flessione subita.

Costi e struttura del comparto

La suddivisione del comparto si articola in tre classi: Q, All e I. La classe Q, quotata sul mercato ATFund di Borsa Italiana, presenta un’evidente convenienza per l’investitore retail in quanto può essere acquistata con un importo minimo di una unica azione gravata e con commissioni ridotte dell’1.40%. La classe Allè soggetta ad uguali commissioni di gestione ma in aggiunta presenta una commissione massima di entrata del 2%. La classe I richiede per la sottoscrizione un investimento iniziale minimo elevato di 100.000 €, nella prassi tali importi sono rivolti generalmente ad investitori istituzionali, presenta commissioni di gestione pari allo 0,90% con una commissione di ingresso che può arrivare fino ad un massimo del 2%. Tutti le classi sono inoltre gravate da commissione di performance del 15%, dovute nel caso in cui le quotazioni superino il massimo storico precedentemente raggiunto, secondo la clausola dell’Highwater Mark.

Sintesi

L’indicatore SRRI classifica il grado di rischio del fondo su una scala da 1 a 7, allo strumento è assegnato un livello di rischio pari a 5, indice di un rischio medio-alto. Questa rischiosità è dovuta alla presenza in portafoglio di un’alta percentuale di titoli azionari e all’investimento in strumenti non investment grade e/o emessi da Paesi emergenti che espone il Nav del fondo ad un’alta volatilità ed ad un significativo rischi di credito. Anche l’utilizzo di strumenti derivati ai fini d’investimento amplifica il rischio aumentando però anche la crescita potenziale dei guadagni. L’acquisto di questo prodotto è consigliato ad un investitore con un orizzonte temporale superiore ai 4 anni con una buona propensione al rischio: l’investitore infatti al fine di conseguire una crescita notevole del capitale nel lungo periodo deve possedere un non comune grado di sopportazione delle oscillazione e detenere lo strumento anche in caso di ampi draw down.

Dati ed elaborazioni forniti da Finanza Dati Analisi
Ultimo aggiornamento 21/04/2020


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.