Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sei in:  Home page  ›  Glossario  › Regime della Dichiarazione - Glossario Finanziario

Glossario finanziario - Regime della Dichiarazione

Definizione

Regime di tassazione dei redditi introdotto dal decreto legislativo del 16 giugno 1998 in cui l'investitore provvede autonomamente ad adempiere agli adempimenti fiscali associati all'investimento dei propri risparmi.

Approfondimenti

Il regime della dichiarazione prevede che tutti gli adempimenti di natura fiscale relativi alla gestione dei propri risparmi devono essere compiuti dal risparmiatore per proprio conto. Una volta calcolata la plusvalenza (capital gain) complessiva realizzata nel periodo d’imposta, il risparmiatore deve indicare tale ammontare sulla propria dichiarazione dei redditi, perdendo il vantaggio dell’anonimato (garantito invece dagli altri due regimi del risparmio amministrato e del risparmio gestito).
L’aliquota applicata può essere del 12,5% (aliquota base) o del 27% (aliquota applicata alle plusvalenze risultanti dalla cessione di partecipazioni “qualificate”, ossia almeno pari al 25% del capitale o al 20% dei diritti di voto in assemblea ordinaria, per le società non quotate, ed al 5% del capitale o al 2% dei diritti di voto per le società quotate) a seconda della tipologia della plusvalenza.
L’imposta è pagata con cadenza annuale sull’incremento del capitale maturato ma non ancora realizzato con la dismissione dell’investimento; essa è, quindi, anticipata al fisco e saldata al momento della vendita dell’attività finanziaria, calcolando l’ammontare dovuto sulla frazione dell’anno in corso.
E’ possibile effettuare una compensazione tra guadagni e perdite in conto capitale. La compensazione può avere luogo solo tra redditi della stessa natura: ad esempio, non è possibile compensare la plusvalenza realizzata da partecipazioni qualificate con la minusvalenza realizzata da partecipazioni non qualificate. Se il saldo tra plusvalenze e minusvalenze è negativo, questo potrà essere sottratto dalle plusvalenze realizzate nei successivi quattro anni.
Il regime dichiarativo è obbligatorio per i possessori di partecipazioni qualificate e per chi eredita attività finanziarie. Nel caso in cui le attività finanziarie oggetto della tassazione sono detenute in portafoglio per un periodo superiore all’anno, si applica l’equalizzatore.

Nuova Ricerca

Regime della Dichiarazione

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.