Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Glossario finanziario - Currency Future

Definizione

Strumento derivato appartenente alla categoria dei future e avente come sottostante una valuta.

Approfondimenti

Il currency future è un contratto a termine, standardizzato e negoziato su mercati regolamentati, relativo a un'operazione di acquisto/vendita di valuta, in una data futura, a un tasso di cambio prefissato al momento della stipula del contratto.
Si tratta di un contratto derivato simmetrico, che sancisce l'impegno assunto da due controparti ad adempiere a scadenza una certa obbligazione. La posizione si chiude con la consegna (o il ritiro) della valuta sottostante alla scadenza del contratto oppure attraverso la negoziazione di un contratto di segno opposto prima della scadenza.
I currency futures sono contratti standardizzati, caratterizzati, quindi, dalla definizione puntuale e uniforme dello strumento sottostante (underlying), della sua quantità, della data di scadenza e delle modalità di negoziazione (limite di contrattazione, lotti minimi, meccanismi di formazione del prezzo).
I currency futures possono essere utilizzati in relazione ai seguenti obiettivi:
• copertura di posizioni in valuta contro indesiderate variazioni dei tassi di cambio;
• speculazione sull'andamento della valuta sottostante;
• arbitraggio.

Esempio

Esempio 1
Un operatore acquista tre Currency Futures dollaro-euro al prezzo di 1,25$/€; il valore nominale del contratto è pari a 50.000€.
Nei due giorni successivi alla stipula del contratto si registrano i seguenti prezzi di chiusura: prezzo di chiusura primo giorno = 1,236$/€; prezzo di chiusura secondo giorno = 1,253$/€.
Il flusso di cassa giornaliero generato da un future può essere così espresso:
F = (P1 - P0) x VN x Nc
dove:
F = flusso di cassa giornaliero;
P1 = prezzo di chiusura della giornata;
P0 = prezzo di apertura della giornata;
VN = valore nominale del future;
Nc = numero di contratti acquistati/venduti

Primo giorno:
F = (1,236$/€ - 1,25$/€) x 50.000€ x 2 = - 700$ (l'operatore deve versare alla stanza di compensazione del mercato 700$);
Secondo giorno:
F = (1,253$/€ - 1,236$/€) x 50.000€ x 2 = 1.700$ (l'operatore ricevere un accredito di 1.700$).

Esempio 2
Si consideri un investitore statunitense che acquista in data 15 settembre titoli di Stato britannici per un valore di 1.000.000 di sterline e decide di detenere tali titoli fino alla fine dell'anno; egli, infatti, ritiene che i tassi d'interesse della sterlina scenderanno. L'investitore intende coprirsi da un deprezzamento della sterlina nei confronti del dollaro e decide, quindi, di vendere contratti futures dollaro/sterlina con scadenza marzo (scadenza immediatamente successiva alla data di chiusura della propria posizione sul mercato a pronti). Il valore nominale di questi contratti è pari a 25.000 sterline.
L'investitore deve decidere quanti contratti futures acquistare per realizzare la copertura: si procede al calcolo del rapporto di copertura pari a:
Posizione da coprire/Valore nominale del contratto = 1.000.000/25.000 = 40 futures.
Egli vende tali contratti ad un prezzo futures di 1,5 sterline.
Al 15 settembre si registrano i seguenti valori: tasso di cambio a pronti $/£ = 1,55; prezzo futures marzo = 1,5$/£.

Al 31/12 le aspettative dell'investitore circa i tassi d'interesse e il deprezzamento si sono verificate:
- il valore del portafoglio dei Titoli di Stato si è portato da 1.000.000 a 1.010.000 sterline, con un rendimento del 1%;
- il tasso di cambio a pronti è sceso a 1,45$/£
- il prezzo futures si è abbassato a 1,4$/£.
È aumentato l'investimento in sterline, ma si è avuta una perdita in dollari.
Infatti se in data 15 settembre il portafoglio detenuto dall'investitore aveva un valore in $ pari a 1.000.000£ x 1,55$/£ = 1.550.000$, in data 31/12 l'investimento ha un valore di 1.010.000£ x 1,45$/£ = 1.464.500$.
Sul mercato future, però, si è registrato un profitto pari a: 1.000.000£ x (1,5$/£ - 1,4$/£) = 100.000$.
Il portafoglio in dollari ha un valore complessivo di 1.464.500$ + 100.000$ = 1.564.500$.
Il rendimento complessivo dell'investimento in dollari è:
(1.564.500$ - 1.550.000$)/1.550.000$ = 0,9355%.
La copertura non è stata totale in quanto il rendimento appena ottenuto è inferiore al rendimento della posizione in sterline (1%).

Nuova Ricerca

Currency Future

Formazione finanziaria

Consulta la sezione Formazione Sotto la Lente per approfondire le tue conoscenze sul mondo della finanza e di Borsa Italiana.

VAI


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.