Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

L’EVA – Economic Value Added

02 Giu 2011 - 12:37

L'indicatore economico per il calcolo del valore creato da un'azienda.



Che cos’è:

L’EVA è un indicatore che consente di calcolare il valore creato da una azienda. Di impostazione anglosassone, l’EVA arriva in Italia negli anni ’90. Eva

 

Come funziona:

La creazione di valore da parte di una azienda viene misurata dalla differenza fra il saggio di redditività aziendale e il costo delle risorse impiegate per il suo conseguimento. Il valore dell’azienda si ottiene attualizzando il flusso futuro degli extra valori così determinati e aggiungendo il valore iniziale del capitale investito.

 

EVA = (r – c) * capitale investito

o

EVA = NOPAT – WACC * capitale investito


r = rendimento del capitale investito (NOPAT/capitale investito)
c = costo del capitale investito (WACC)
NOPAT = Net Operating Profit After Taxes
WACC = costo medio ponderato del capitale

Un’azienda crea valore (EVA > 0) se il rendimento del capitale investito (r) è maggiore del costo del capitale investito (c).
Viceversa, un’azienda distrugge ricchezza  (EVA < 0) se il rendimento del capitale investito (r) è inferiore del costo del capitale investito (c).

Per il calcolo dell’EVA non vengono utilizzati il risultato operativo (EBIT) e il capitale investito come rappresentati in bilancio rispettivamente nel conto economico e nello stato patrimoniale. Queste due voci devono essere opportunamente rettificate per esprimere una reale valutazione del capitale effettivamente investito e dal reddito monetariamente disponibile. Così dal risultato operativo si ottiene il NOPAT e dal capitale investito il capitale investito rettificato.


  • capitale investito contabile

+ riserve per imposte differite
+ riserva Lifo (metodo di gestione delle scorte di magazzino)*
+ sommatoria degli ammortamenti dell’avviamento
+ sommatoria di componenti straordinarie di reddito (positive o negative) al netto dell’effetto fiscale
+ riserve per spese future
+ fondi rischi generici
______________________________________

= capitale investito rettificato


  • reddito operativo

- imposte effettivamente pagate
+ accantonamento per imposte differite
+ plusvalenze di gestione del magazzino (con il metodo Lifo è contabilizzato a valori non correnti)
+ ammortamento avviamento
+ spese a utilità pluriennale
+ accantonamenti per spese future
+ accantonamenti a fondi rischi specifici
_____________________________________

= NOPAT (reddito operativo netto d’imposta rettificato)

 

* Il termine LIFO (Last In First Out) significa ultimo ad entrare, primo ad uscire. Esprime il concetto relativo al modo di immagazzinare dati in cui l'ultimo valore introdotto è il primo ad uscire. Si rappresenta di solito con una pila di piatti (che rappresentano il magazzino), in cui l'ultimo appoggiato in cima (ossia l’ultimo ad essere acquistato) è necessariamente il primo ad essere prelevato, mentre il primo introdotto è raggiunto per ultimo.

Il MVA (Market Value Added) è il valore creato dall’impresa mediante il capital iniziale e i nuovi investimenti. Sostanzialmente è il valore attuale di tutti i futuri EVA.

MVA = Σ (NOPAT) – (WACC * CIR) / (1 + WACC)t

CIR = capitale investito rettificato
t = periodo di previsione dei flussi


Il valore dell’azienda è dato da:

W = CIR + MVA


Eva