Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

La quotazione in Borsa è considerata una fonte di finanziamento non ordinaria, ma fondamentale nei momenti di crescita.

Per crescere, rimanere competitivi e continuare ad acquisire quote di mercato è necessario affrontare momenti di discontinuità aziendale. Diversamente, si rischia di perdere il proprio vantaggio competitivo.

Le società interessate e pronte per finanziare il “salto dimensionale” hanno davanti a sé diverse fonti di finanziamento.

Oltre alle fonti tradizionali, quali l’autofinanziamento o il finanziamento bancario, limitate nell’ammontare, una società può prendere in considerazione fonti non ordinarie, ma che si rivelano fondamentali nei momenti di crescita. Con questa tipologia si fa riferimento alle risorse messe a disposizione dal Private Equity e dalla Borsa.

Il Private Equity e la Borsa si rivolgono a società con caratteristiche ed esigenze diverse e offrono quindi meccanismi diversi di ingresso nel capitale e nella vita della società.