Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
English not available
Sotto la Lente

Money Management


Il complesso di regole atte alla gestione efficiente del patrimonio


10 Apr 2013 - 14:37 Spesso utilizzato nel linguaggio degli investimenti in Borsa come "gestione del rischio", è un’espressione che si riferisce alle tecniche di "gestione del denaro" mirate alla massimizzazione dei profitti e alla riduzione potenziale delle perdite. Si può pertanto definire come il complesso di regole atte alla gestione efficiente del patrimonio.

Il money management si compone di due ambiti fondamentali e inscindibili tra loro: risk management ("gestione del rischio") e position sizing. La prima analizza il rischio legato alla posizione assunta sul mercato; la seconda individua il capitale da investire in ogni singola operazione aperta sul mercato e la ripartizione del capitale tra i vari asset di portafoglio. Money Management

La corretta gestione del rischio ha come unico scopo la massimizzazione del profitto e la riduzione al minimo delle perdite, a prescindere dal sistema di trading utilizzato.

Ogni strategia di money management segue una logica di fondo, costituita da diversi punti fondamentali:

  • Disponibilità di capitali adeguati allo strumento finanziario utilizzato;

  • Rischio limitato a non più del 2-3% del portafoglio per ogni singola operazione;

  • Utilizzo dello stop-loss dopo aver assunto posizione sul mercato;

  • Definizione del rischio massimo per il portafoglio (drawdown): se dovessero scattare contemporaneamente tutti gli stop-loss impostati, il trader deve conservare una quota di capitale sufficiente per continuare ad operare sul mercato;

  • Quantificazione del rischio attraverso un corretto calcolo del risk/reward: per ogni unità di rischio si deve calcolare un target di 2-3 unità di rendimento;

  • Conoscenza approfondita del mercato in cui si intende investire;

  • L’esito di ogni operazione deve essere considerato in modo indipendente da quello dell’operazione precedente;

  • Chiusura di una parte delle posizioni aperte in caso di profitto.

Tra i modelli di ottimizzazione del "position sizing" possono essere citate la Formula di Kelly e la Formula di Larry Williams.

La formula di Kelly è stata utilizzata dai giocatori d’azzardo per massimizzare le scommesse ottimizzandole nel lungo periodo. Successivamente l’ambito di applicazione del modello è stato esteso alle attività di investimento per calcolare la quota di capitale da impiegare in ogni singola operazione (F), dato l’asset a disposizione.

F=W-(1-W)/R

Dove, W è la probabilità che ogni singola operazione si traduca in un risultato positivo. Si ottiene dividendo il numero delle operazioni che hanno generato un guadagno per il totale delle operazioni effettuate (positive e negative); R è il rapporto tra trade vincenti e trade perdenti, ovvero il valore medio delle operazioni chiuse in profitto (media dei guadagni) diviso per il valore medio delle operazioni chiuse in perdita (media delle perdite).

L’equazione produce come risultato un numero inferiore a 1 che rappresenta la dimensione della posizione che dovrebbe essere assunta sul mercato, ovvero la percentuale del portafoglio da allocare in ogni singola operazione. La formula di Kelly trascura tuttavia importanti parametri di valutazione come il drawdown del sistema, il numero delle operazioni in perdita e la volatilità del mercato.

La formula di Larry Williams rappresenta un’evoluzione della formula di Kelly e calcola il numero dei contratti/azioni per la posizione da assumere sul mercato in funzione della percentuale di rischio: tale parametro è aleatorio poiché la tolleranza media al rischio è un parametro soggettivo, per cui cambiando questo parametro i risultati generati dal sistema saranno diversi.

F = (Capitale x Rischio%) / massimo drawdown

Dove il drawdown rappresenta la quantità di denaro che si può perdere nell’attività di trading, in percentuale del capitale disponibile.

Money Management

Nel caso in cui un trader con un capitale disponibile pari a 100.000 euro decida di rischiare un massimo del 2% in ogni singola operazione, tenendo conto che il suo sistema di trading ha avuto un drawdown massimo statistico di 600 euro, il calcolo del position sizing diventa:

F = (100.000 x 2%) / 600 = 3,33 contratti/azioni

 

Disclaimer
La rubrica Sotto La Lente è a cura di

message

Le Infografiche sono a cura di


Centimetri


Societe Generale
Precisazioni sul Certificato a Leva Fissa +7x sul FTSE MIB di Societe Generale - DE000SG409M1

Vontobel Financial Products GmbH
Evento di restriking per ISIN DE000VN9AAM3



Una famiglia su quattro fa fatica a pagare il mutuo
Migliora la condizione economica delle famiglie ma sono ancora molte quelle in difficoltà


Il lavoro stabile spinge l’occupazione
Stabile l’occupazione a termine, in calo quella dei lavoratori indipendenti



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.