Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

La Gestione Patrimoniale

11 Mag 2012 - 10:10

Un servizio offerto dalle banche in cui il cliente dà mandato alla banca di gestire il proprio capitale



I servizi di gestione patrimoniale mobiliare (GPM) sono diventati sempre più interessanti per il risparmiatore che può delegare la gestione del proprio denaro a professionisti. La necessità di differenziare le gestioni proposte ha portato alla realizzazione di un ampio ventaglio di servizi estremamente diversi fra loro caratterizzati da differenti gradi di complessità, rischio e costo in modo da rispondere ai molteplici profili dei risparmiatori/investitori. Gestione patrimoniale


Come funziona

Il cliente effettua un conferimento di denaro e nell’ambito di alcune linee guida più o meno vincolanti dà mandato alla banca di gestire il capitale con l’obiettivo di ottenere una rivalutazione dello stesso.


Differenze tra fondi comuni e gestione patrimoniale

L’aspetto più importante che contraddistingue la gestione patrimoniale è che a differenza del fondo comune - dove la gestione è collettiva - la gestione del capitale è individuale.
Nei fondi comuni il capitale partecipa a un monte collettivo in cui l’individualità del conferimento si smaterializza. Nella gestione patrimoniale invece esiste un conto intestato al cliente e tutte le operazioni sono registrate a nome del risparmiatore.
Il servizio di gestione patrimoniale quindi si colloca a metà tra un investimento in fondi e l’autogestione (fai da te).
Questo perché nella gestione patrimoniale il risparmiatore, pur concedendo un mandato al gestore (che deciderà direttamente come e quando investire e disinvestire) può indicare le caratteristiche di gestione del capitale (il che personalizza il rapporto con l’intermediario).

Nell’investimento in fondi comuni il risparmiatore non può suggerire le modalità di impiego dei capitali al gestore (può soltanto scegliere il tipo di fondo a lui più congeniale).
Solitamente i risparmiatori più preparati che si affidano alla gestione patrimoniale tendono nel medio lungo termine ad aumentare i suggerimenti/indicazioni di investimento ai propri gestori.
Proprio per queste caratteristiche con le GPM è richiesto al risparmiatore di possedere una certa competenza al fine di effettuare scelte consce e di indirizzare correttamente il gestore.


Chi offre il servizio di GPM

I soggetti che offrono servizi di GPM sono le Società di gestione del risparmio (SGR) e le banche.

Gestione patrimoniale