Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Elasticità della domanda e dell'offerta

18 Nov 2011 - 10:56

La reattività delle quantità domandate di un bene a una variazione di prezzo e la variazione dell'offerta per una variazione di prezzo



Elasticità della Domanda al Prezzo

L’elasticità della domanda al prezzo misura la reattività della quantità domandata di un bene ad una variazione percentuale del prezzo.

Elasticità domanda offerta

Coefficiente dell’elasticità della domanda del bene i  al prezzo εi q,p= (∆Q i /Q i)/(∆P i /P i)

Una caratteristica fondamentale dell’elasticità è quella di non dipendere dall’unità di misura.

Per convenzione ci si riferisce al coefficiente dell’elasticità della domanda al prezzo sempre in valore assoluto (cioè senza considerare il segno, perchè altrimenti sarebbe negativo).

A seconda del valore assunto dal coefficiente di elasticità, la domanda viene definita anelastica, unitaria o elastica rispetto al prezzo, come mostrato nello schema seguente:

  • perfettamente anelastica se ε = 0;
  • anelastica se  0 ε  1 ;
  • ad elasticità unitaria se ε = 1;
  • elastica se  ε > 1;
  • perfettamente elastica se ε → ∞.

Se la domanda è anelastica, a variazioni del prezzo corrispondono variazioni della domanda meno che proporzionali; se è unitaria, a variazioni del prezzo corrispondono variazioni della domanda esattamente proporzionali; se è elastica a variazioni del prezzo corrispondono variazioni della domanda più che proporzionali.

Il caso di domanda perfettamente anelastica è quello in cui le variazioni del prezzo non implicano alcuna variazione della quantità domandata. In tale situazione i consumatori desiderano un certo bene solo in una determinata quantità (beni necessari per alcune categorie di individui e che non hanno sostituti).

Il caso di domanda perfettamente elastica è il caso in cui variazioni anche piccolissime del prezzo provocano una variazione enorme nella quantità domandata. Questi sono i casi in cui il bene domandato ha molti sostituti perfetti.

Quali sono le determinanti dell’elasticità della domanda?

a)      Il numero di beni sostituti e il loro grado di sostituibilità;
b)      La quota del reddito spesa per l’acquisto del bene;
c)      L’orizzonte temporale considerato.

Elasticità Incrociata

L'elasticità incrociata rappresenta la variazione percentuale della quantità domandata di un bene per la variazione unitaria del prezzo di un altro bene.
L'elasticità incrociata è molto importante perché permette di capire la relazione esistente tra due beni (complementarietà o sostituibilità).
Un bene è complementare quando all'aumentare del prezzo di un bene, la domanda dell'altro bene diminuisce. Un bene è sostituibile, invece, quando in caso di incremento del prezzo di un bene, la domanda dell’altro bene aumenta.

Elasticità dell’Offerta al Prezzo

L’elasticità dell’offerta rispetto al prezzo rappresenta la variazione percentuale dell’offerta per una variazione percentuale unitaria del prezzo

Elasticità dell’Offerta del bene i  μi = (∆Q i /Q i)/(∆P i /P i)

Quali sono le determinanti dell’elasticità dell’offerta?
a)      La disponibilità di risorse sostitutive per produrre il bene;
b)      L’orizzonte temporale considerato.

Elasticità domanda offerta