Borsa Italiana utilizza i cookie per una migliore gestione del sito. I cookie utilizzati per fini statistici sono già stati impostati. Per ulteriori dettagli e per informazioni su come gestire i cookie, si invita a consultare la nostra policy relativa alla privacy ed ai cookie.

  
English not available
Sotto la Lente

Dossier titoli e capital gain, il nuovo regime fiscale



Le modifiche sul capital gain e sulle rendite finanziarie dopo il decreto Salva Italia



07 Giu 2012 - 17:47

Con l'introduzione del decreto "Salva Italia" n. 201 del 2011, è cambiata la modalità di calcolo dell'imposta di bollo applicata al dossier titoli.

Il vecchio modello, che prevedeva un'imposta a scaglioni da un minimo di 34,20 euro ad un massimo di 1.100 euro all'anno, nel 2012 lascerà il posto a una tassazione percentuale, pari allo 0,10% sul valore di mercato di tutte le attivita' finanziarie detenute, compresi i fondi comuni d'investimento e i conti di deposito.Dossier titoli

Modalità ancora poco chiare:
Le modalità di calcolo dell'imposta non sono tuttavia ancora state chiarite del tutto. Per questo motivo molti broker tengono in sospeso l'addebito dei bolli trimestrali sul dossier fino a quando non sarà tutto definito nel dettaglio.

Capital Gain e rendite

Il decreto Salva Italia ha modificato anche il regime fiscale sul capital gain e rendite finanziarie con l'aliquota del 12,5% dell'imposta sostitutiva portata al 20%.
La nuova aliquota si applica alle plusvalenze realizzate (e dividendi) a partire dal 1° gennaio 2012 su Azioni, Obbligazioni, Fondi comuni d’investimento, Sicav, Etf, Etc, Covered warrant, Derivati, Pronti contro termine, Prestito Titoli.
Invariata la tassazione sui titoli di Stato (Bot, Btp e Cct) al 12,5%.
Scende invece l’aliquota sui conti correnti dal 27% dal 20%. Per le linee vincolate nel 2011 e con scadenza nel 2012 l’imposta sugli interessi sarà dovuta nella misura del 27% per la quota maturata fino al 31 dicembre 2011 e al 20% per la quota maturata nel corso del 2012.

Minsuvalenze:

Tutte le minusvalenze accantonate al 31/12/2011, in regime amministrato, saranno portate in deduzione delle plusvalenze realizzate successivamente, per una quota pari al 62,50% del loro ammontare. Tutte le minusvalenze realizzate a partire dal 1° gennaio 2012 saranno riconosciute per il loro intero ammontare.
Esempio di calcolo:
Minusvalenza: al 31/12/2011  € 1.000               al 01/01/2012  € 625 ( 62,50% di € 1.000)

L’affrancamento:
La riforma prevede la possibilità di avvalersi della cosiddetta opzione di “affrancamento” che permette di utilizzare i valori al 31/12/2011 per il calcolo dei redditi diversi realizzati dal 01/01/2012. Nella fattispecie l’affrancamento consente di applicare l’aliquota del 12,50% sulle plusvalenze potenziali al 31 dicembre 2011 e far emergere le minusvalenze potenziali alla medesima data, determinate valorizzando il proprio patrimonio ai prezzi del 31 dicembre 2011.

Dossier Titoli Capital Gain

 

Disclaimer
La rubrica Sotto La Lente è a cura di

message

Le Infografiche sono a cura di


Centimetri


Appuntamenti economici della settimana
Eventi attesi dal 22 al 26 settembre

Mediobanca S.p.A.
Dal 22 settembre in negoziazione sul DomesticMOT il prestito MB41



Estate nera per il commercio
A luglio e agosto, due imprese chiuse per ogni nuova apertura


Fisco: italiani sotto torchio
La Cgia prevede nuovi livello record per la pressione fiscale


 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.