Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
English
Sotto la Lente

Cosa sono le ABS?  – Parte prima


Asset Backed Securities


20 Ott 2006 - 10:18

bullet (9207)Parte prima  | bullet (9207)Parte seconda

Le Asset backed securities (o ABS) sono strumenti finanziari, emessi a fronte di operazioni di cartolarizzazione, del tutto simili alle normali obbligazioni; come queste, infatti, pagano al detentore una serie di cedole a scadenze prefissate per un ammontare determinato sulla base di tassi di interesse fissi o variabili.ABS

Prima di evidenziare le principali differenze tra obbligazioni e ABS è opportuno descrivere la struttura di un’operazione di cartolarizzazione.

La cartolarizzazione è disciplinata in Italia dalla L. 130/99; in sintesi, un’azienda che ha in portafoglio crediti di natura pecuniaria cede gli stessi ad un’altra società appositamente costituita (la società veicolo o SPV). Il veicolo, a sua volta, emetterà delle obbligazioni con lo scopo di collocarle presso gli investitori finali al fine di ripagare l’acquisto dei crediti stessi. I crediti ceduti, infine, sono costituiti a garanzia del pagamento delle obbligazioni emesse.

In sintesi il procedimento di creazione di un ABS – noto anche come securitisation - è l’atto con cui una società scorpora dal suo bilancio una serie di crediti, li “impacchetta” adeguatamente e li cede sul mercato, assieme ai flussi finanziari che essi generano, per il tramite della SPV con l’obbiettivo di generare liquidità.

La particolarità che distingue le ABS dai comuni bond risiede nella stretta correlazione esistente tra pagamento cedole/rimborso delle obbligazioni a scadenza con le somme incassate dai crediti ceduti (sia interessi, sia rimborso del credito a scadenza).

I crediti, infatti, costituiscono patrimonio separato in capo alla SPV, società che deve avere come oggetto esclusivo la realizzazione di una o più operazioni di cartolarizzazione. Le somme successivamente incassate, a fronte degli stessi, sono destinate in via esclusiva al pagamento dei diritti incorporati nelle obbligazioni e al pagamento dei costi dell’operazione di cartolarizzazione.

Proprio per lo stretto legame di cui sopra, vi sono tuttavia degli elementi di rischio. In particolare, il rimborso delle ABS potrebbe venire meno, in tutto od in parte, nel momento in cui si verificasse il mancato incasso dei crediti a sostegno dell’operazione.

Proprio per limitare tale rischio, solitamente l’ammontare dei crediti ceduti e posti in garanzia è spesso superiore al valore nominale delle obbligazioni emesse.

Per meglio chiarire, prendiamo il caso di una banca che abbia una serie di mutui di varia natura ed abbia bisogno di liquidità e quindi desideri smobilizzare questi crediti attraverso una securitisation. La banca creerà un SPV ad hoc cui conferirà i crediti in questione e le garanzie date dai diritti sulle ipoteche relative ai mutui. Lo SPV in questione emetterà obbligazioni con valore nominale inferiore a quello di tali crediti e pagherà le cedole con le rate dei mutui che riceverà.

ABS Esempio

Il caso della cartolarizzazione dei mutui è il più frequente (solitamente in questo caso si parla di MBS: mortgage backed securities), ma vengono inseriti in ABS anche altre forme di attivi. Ricordiamo tra questi: crediti per acquisto di automobili, ipoteche, crediti bancari, crediti al consumo, leasing, flussi di pagamenti di carte di credito e crediti  commerciali. Esistono anche alcuni ABS particolari molto specializzati che incorporano esclusivamente crediti in sofferenza.

Le ABS sono abbastanza “nuove” per il mercato italiano, mentre in Danimarca ed in Germania erano già largamente diffuse fin dal diciannovesimo secolo.

Borsa Italiana ha imposto una serie di requisiti minimi che le ABS devono avere per ammetterle a quotazione. Tra i principali ricordiamo:

1. Outstanding residuo: il valore nominale residuo delle ABS deve essere almeno pari a 50 mln di euro.

2. Un’adeguata diffusione presso il pubblico o presso gli investitori professionali atta a garantire il regolare funzionamento del  mercato.

3. Rating minimo: è richiesto il rango di investment grade, cioè un giudizio compreso tra la "AAA" e la  "BBB-" da parte delle principali agenzie di rating.

 

Disclaimer
La rubrica Sotto La Lente è a cura di

message

Le Infografiche sono a cura di


Centimetri


Liquidazione e conseguente delisting di 4 ETF di DB-X-TRACKERS
Su richiesta dell'emittente, dal 26 agosto 2016, saranno delistati 4 ETF di DB-X-TRACKERS

Appuntamenti economici della settimana
Eventi attesi dal 25 al 29 luglio 2016



Gli italiani preferiscono i conti correnti alle carte di credito
Italia ancora lontana dalle medie europee per l’utilizzo del denaro di plastica


Mutui: bene le erogazioni ma occhio alla brexit
Il mercato del credito mantiene un trend positivo da ormai due anni



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.