Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Sotto la Lente

Accelerated Bookbuild

16 Set 2013 - 09:34

Una procedura con cui vengono cedute ad investitori istituzionali quote societarie particolarmente rilevanti



Cos’è

L'Accelerated Bookbuild è una procedura con cui vengono cedute ad investitori istituzionali quote societarie particolarmente rilevanti. In Italia questa operazione è utilizzata spesso dagli azionisti di maggioranza per cedere pacchetti azionari mentre all'estero viene utilizzata anche dalla stessa società per reperire velocemente capitali (per acquisizioni o per rifinanziamento del debito). Accelerated Bookbuild

Uno dei vantaggi dell'Accelerated Bookbuild è proprio la velocità. Le azioni sono cedute in uno massimo due giorni e senza bisogno di nessuna operazione pubblicitaria (come accade invece per le Ipo). Un'altro vantaggio è il collocamento ad investitori istituzionali e non direttamente sul mercato (che potrebbe non essere in grado in un breve lasso di tempo di assorbire una quantità troppo elevata di azioni).

Per contro l'Accelerated Bookbuild prevede uno sconto per gli investitori istituzionali che acquistano la quota che può variare tra l'1 ed il 5%. Lo sconto è il margine di guadagno degli investitori che con il tempo cederanno una parte del pacchetto ad altri investitori mentre una parte finirà sul mercato.

Proprio per questo motivo l'accoglienza dei mercati all'Accelerated Bookbuild è negativa.

Accelerated Bookbuild

Casi recenti

1 – Terna:

Romano Minozzi annuncia il 21 maggio 2013 (a mercati chiusi) l’avvio del collocamento di una quota pari al 5,3584% del capitale di Terna.

La conclusione dell'operazione viene annunciata il 22 maggio 2013 ad un prezzo di € 3,35 per azione ordinaria, pari ad uno sconto del 4,62% rispetto alla chiusura del titolo del giorno precedente.

Lo stesso giorno il titolo Terna chiude la seduta in calo del 3,36%.


2 - Banca Generali:

Assicurazioni Generali annuncia il 3 aprile 2013 (a mercati chiusi) l’avvio del collocamento di una quota fino a 13.666.593 azioni ordinarie di Banca Generali, rappresentanti circa il 12% del capitale sociale della banca.

La conclusione dell'operazione viene annunciata il 4 aprile 2013 ad un prezzo di € 13,55 per azione ordinaria, pari ad uno sconto del 7,13% rispetto alla chiusura del titolo del giorno precedente.

Lo stesso giorno il titolo Banca Generali chiude la seduta in calo del 5,07%.

 

3 – Tod’s

La famiglia Della Valle  il 15 dicembre 2010 annuncia di aver ceduto ad investitori istituzionali un pacchetto di 3.060.000 azioni (pari al 10% del capitale) Tod’s S.p.A. Il prezzo è fissato a 76 euro, con uno sconto del 9,53% rispetto alla chiusura del titolo del giorno precedente.

Il 15 dicembre 2010 il titolo Tod’s chiude la seduta in calo dell'8,93%.