Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Comunicati Stampa 2008

Entrano in vigore i regolamenti di AIM Italia

01 Dic 2008 - 15:00

Approvata la nuova struttura dei mercati regolamentati di Borsa Italiana



Da oggi, 1 dicembre 2008, entrano in vigore i Regolamenti di AIM Italia, passaggio fondamentale nella creazione del nuovo exchange regulated market di Borsa Italiana.

AIM Italia si contraddistingue per il suo approccio regolamentare equilibrato, per un’elevata visibilità a livello internazionale e per un processo di ammissione flessibile, costruito su misura per le necessità di finanziamento delle PMI italiane nel contesto competitivo globale. AIM Italia, in affiancamento al MAC, completa l’offerta dedicata alle PMI nel contesto dei mercati finanziari italiani.

Figura centrale nel modello regolamentare di AIM Italia è il Nomad, responsabile nei confronti di Borsa Italiana di valutare l’appropriatezza delle società che richiederanno l’ammissione a quotazione e successivamente di assisterle e guidarle nel corso della loro permanenza sul mercato.

Abaxbank, Banca Akros, Centrobanca, Eidos Partners, Equita SIM (Ex Euromobiliare SIM), Intermonte SIM, MPS Capital Services, UniCredit Group e Unipol Merchant sono i primi nove players che hanno richiesto l’ammissione al registro dei Nominated Advisers.

Massimo Capuano, Amministratore Delegato di Borsa Italiana e Deputy CEO del London Stock Echange Group ha commentato: “L’avvio di AIM Italia rappresenta il raggiungimento di uno dei principali obiettivi dell’integrazione tra Borsa Italiana e il London Stock Exchange. AIM Italia completa l’offerta di Borsa Italiana per le piccole e medie imprese che rappresentano la struttura portante dell’economia del nostro Paese. È stato appositamente studiato per meglio soddisfare la necessità di raccolta di capitale da parte delle società e di offrire agli investitori una nuova opportunità di investimento senza mai perdere di vista la loro tutela.”

**********

Il Consiglio di Amministrazione di Borsa Italiana, nella seduta odierna, ha approvato alcune modifiche ai propri regolamenti per ottimizzare l’offerta di quotazione. Tali modifiche saranno sottoposte all’approvazione di Consob.

È stato deliberato, dopo ampia consultazione, l’accorpamento del Mercato Expandi con MTA in un’ottica di razionalizzazione dei mercati gestiti da Borsa Italiana e tenuto conto dell’equivalenza dell’impianto normativo applicabile alle società quotate sui due mercati.

Il passaggio su MTA sarà effettivo nel corso del 2009 e le società già quotate sull’Expandi saranno trasferite automaticamente su MTA. Proprio in vista di questo upgrade, a partire da oggi - 1 dicembre 2008 - non saranno più accettate le domande di ammissione sul Mercato Expandi.

Il passaggio da Expandi a MTA non comporterà modifiche della disciplina alla quale gli emittenti sono soggetti poiché gli strumenti finanziari sono e resteranno quotati su un mercato regolamentato.

Il CdA di Borsa Italiana ha inoltre definito alcune procedure di fast tracks tra i diversi mercati di Borsa Italiana e una procedura semplificata di ammissione dedicata alle società che presentano nel proprio azionariato uno o più fondi di Private Equity.

È stata infine approvata l’introduzione di un mercato regolamentato dedicato esclusivamente ai veicoli di investimento: Mercato telematico degli Investment Vehicles (MIV). Su questo mercato verranno negoziate le quote di fondi chiusi, le azioni di Investment Companies  e le Real Estate Investment Companies (REIC).


Scarica il comunicato in pdf: (pdffile pdf - 373 KB)