Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Comunicati Stampa 2008

ETFplus di Borsa Italiana:

10 Apr 2008 - 12:50

dodici mesi di crescita con scambi per 36 miliardi di euro



Compie un anno ETFplus, il mercato di Borsa Italiana dedicato alla negoziazione di Exchange Traded Fund (ETF) e di Exchange Traded Commodities (ETC).

Nato nell’aprile del 2007, ETFplus continua a crescere e riscuotere successo presso gli investitori.

Al suo debutto su ETFplus erano quotati 108 ETF e gli emittenti erano 6: EasyETF, Lyxor, Deutsche Bank, iShares, Crédit Agricole e Nasdaq stock market. Il segmento degli ETC è nato nella seconda metà di aprile 2007 e successivamente, nel mese di maggio, sono entrati in negoziazione i primi ETF strutturati.

Oggi su ETFplus sono quotati in totale 289 strumenti di cui 226 ETF, 16 ETF strutturati e 47 ETC. Il forte interesse verso il mercato italiano ha attratto nuovi players internazionali e nel corso dell’ultimo anno hanno iniziato ad operare  quattro nuovi emittenti: PowerShares (che oltre a lanciare 12 nuovi ETF ha acquisito l’ETF del Nasdaq stock market), JP Morgan, SPA ETF e SGAM.

Gli scambi
Gli scambi su ETF sono stati in questi anni in costante crescita: i contratti sono aumentati da 54.000 nel 2003 a 1.337.000 nel 2007, con un incremento del 172% rispetto al 2006. Il controvalore complessivo degli scambi è passato da 1,5 miliardi di euro del 2003 a 31,8 miliardi di euro del 2007, +182% rispetto al 2006.

Dal 2 aprile 2007 al 2 aprile 2008 il controvalore complessivo scambiato è stato pari a 36 miliardi di euro con più di 1.380.000 contratti.

L’ETF più scambiato in questo periodo è il Lyxor ETF Dj Euro Stoxx 50 con 4,1 miliardi di euro di controvalore, seguito dall’ETF di iShares sullo stesso indice, dal Lyxor sul DAX della Borsa tedesca e dal Lyxor sull’S&P/MIB. Al quinto posto il primo ETF obbligazionario, il Lyxor ETF Euro Cash.

Secondo le statistiche della FESE (Federation of European Securities Exchanges), Borsa Italiana mantiene stabilmente il primato in Europa per contratti scambiati sui sistemi telematici, davanti a Euronext e a Deutsche Borse.

Il mercato degli ETF in Italia è caratterizzato anche dalla forte presenza di investitori retail e la dimensione media dei contratti sul mercato ETFplus da febbraio 2007 a febbraio 2008 è stata infatti di 24.950 euro rispetto ai quasi 200 mila euro di Deutsche Boerse e agli oltre 100 mila euro di Euronext.

Patrimonio gestito
A fine 2003 il patrimonio depositato in Monte Titoli ammontava a 530 milioni di euro, salito a 7,5 miliardi di euro a fine 2006, fino a superare a fine marzo 2008 i 10,7 miliardi di euro, con un flusso netto di raccolta nello stesso mese di circa 1 miliardo di euro.

I record
Nel marzo 2008 il mercato ETFplus ha segnato un nuovo record per controvalore medio giornaliero scambiato pari a 199,4 milioni di euro, superando il precedente record del mese di gennaio 2008 (192 milioni). Sempre a marzo 2008 il numero medio giornaliero dei contratti è stato di 6.228, sopra la media dell’intero 2007 (5.305).

Il record per la media giornaliera di contratti rimane quello del mese di ottobre 2007, con una media di 8.247 contratti.

Il record assoluto in una sola seduta di borsa risale invece al 21 gennaio 2008, con 403 mln di euro di controvalore e 15.796 contratti.

Il mese di marzo ha visto anche il nuovo record per il segmento ETC con 974 contratti medi giornalieri mentre il controvalore medio giornaliero è stato pari  a 8,5 milioni di euro.

Pietro Poletto, Responsabile ETFplus di Borsa Italiana, ha sottolineato:
"Borsa Italiana con questo mercato ha creato il contesto ideale per la negoziazione di ETF, ETF strutturati ed ETC, ampliando le possibilità di investimento dei risparmiatori e degli istituzionali e offrendo nuovi strumenti che si adattano a differenti profili di rischio.

La positiva risposta che abbiamo avuto sia da parte degli investitori sia da parte degli emittenti testimonia la validità delle scelte che Borsa Italiana ha fatto per valorizzare e far crescere il mercato”.

 

Scarica il comunicato in pdf:  (pdffile pdf - 106 KB)