Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

COMUNICATI STAMPA 2006

Luglio 2006: Borsa Italiana leader in Europa

14 Ago 2006 - 13:00

per scambi di ETF e Covered Warrants sui sistemi telematici



Gennaio-luglio 2006 su gennaio-luglio 2005
ETF : contratti +218%, controvalore +132%
SeDeX: contratti +8%, controvalore +48%

Nei primi sette mesi del 2006 gli scambi sul mercato degli ETF (Exchange Traded Fund) di Borsa Italiana si confermano su livelli record: con una media giornaliera di 3.268 contratti e 69,5 milioni di euro di controvalore hanno infatti registrato un incremento, sul corrispondente periodo del 2005, rispettivamente del 218% e del 132%.

Anche SeDeX, il mercato dei Securitised Derivatives (Certificates e Covered Warrants) di Borsa Italiana, in questi primi sette mesi dell’anno ha registrato una crescita costante: con una media giornaliera di 17.612 contratti e un controvalore medio giornaliero di 238,8 milioni di euro ha segnato un progresso dell’8,3% e del 48,2% sul periodo gennaio-luglio 2005.

Complessivamente, da gennaio a luglio 2006, sugli ETF sono stati scambiati 483.671 contratti e 10,3 miliardi di euro e su SeDeX 2.606.540 contratti per un controvalore di 35,3 miliardi di euro.

A livello internazionale Borsa Italiana si conferma leader in Europa sia per gli scambi su Exchange Traded Fund, sia per quelli su Securitised Derivatives. Le statistiche ufficiali della FESE (Federazione delle Borse Europee) del mese di luglio 2006 confermano infatti il primato del mercato italiano per contratti scambiati sui sistemi telematici: sugli ETF sono 35.101 davanti ai 22.390 di Deutsche Borse e ai 18.500 di Euronext; sui covered warrants sono 305.050, a fronte dei 262.815 di Euronext e dei 106.818 di Swiss Exchange.

L’ETF più scambiato in questi primi sette mesi dell’anno è stato l’ ISHARES MSCI JAPAN con una media giornaliera di 597 contratti e 8,6 milioni di euro di controvalore.
Per SeDeX, il sottostante maggiormente scambiato è stato l’indice S&P/MIB di Borsa Italiana con una media giornaliera di 6.917 contratti e un controvalore di 64,3 milioni di euro.

Gli ETF hanno esordito sul mercato italiano nel settembre 2002, con la quotazione dei primi tre strumenti; a fine luglio 2005 gli ETF quotati in Borsa Italiana erano 24 e un anno dopo, a fine luglio 2006, la cifra è più che raddoppiata: sono infatti 51.
Il patrimonio complessivo distribuito in Italia, cioè l’asset under management depositato in Monte Titoli, ha raggiunto a fine luglio il nuovo massimo storico di 6,6 miliardi di euro (ammontava a 2,6 miliardi di euro nel luglio 2005).
Nel corso dell’ultimo anno si è inoltre ampliata la copertura geografica e settoriale offerta, con la quotazione di ETF dedicati, per esempio, ai mercati emergenti, al mercato UK, alle commodities, al real estate e ancora con i cosiddetti “style”.

Il numero di strumenti negoziati su SeDeX è cresciuto dallo scorso anno del 23% raggiungendo, a fine luglio 2006, la quota di 4.980 (erano 4.059 a fine luglio 2005); nel dettaglio si tratta di 3.976 covered warrant plain vanilla, 191 covered warrant strutturati/esotici, 290 leverage certificates e 523 investment certificates.

 

Scarica il comunicato in pdf (pdffile pdf - 23 KB)