Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2002

 

021009 sintesi mensili


COMUNICATO STAMPA

BORSA ITALIANA SPA:

IN SETTEMBRE, RIPRESA DEI VOLUMI DI NEGOZIAZIONE

NUOVI MASSIMI STORICI PER GLI SCAMBI DI EUROMOT E MINIFIB

Nello scorso mese di settembre il mercato azionario è stato caratterizzato da una ripresa dei volumi di negoziazione che si sono riportati su livelli simili a quelli precedenti il mese di agosto. La crescita degli scambi di eurobond ha portato l'EuroMOT al nuovo massimo storico degli scambi. Il 19 settembre il miniFIB ha superato il proprio record di scambi in una singola seduta.

Andamento degli indici

In settembre l'indice Mib ha registrato un sensibile calo - che martedì 24 lo ha portato a toccare un nuovo minimo annuale al livello di 15.585 punti - chiudendo il mese a quota 15.663, con una flessione del 14,1% rispetto a fine agosto (-29,6% su fine 2001). Escludendo quella del settembre 2001 (-16,4%), si tratta della flessione più consistente a partire dall'agosto 1990 (invasione del Kuwait da parte dell'Iraq).

L'indice Numex del Nuovo Mercato ha registrato una flessione del 24,4% (-56,8% rispetto a fine 2001).

Gli indici continui hanno evidenziato un andamento mensile simile a quello dei corrispondenti indici giornalieri, con il Mibtel a -14,5% e il Numtel a -23,9%. Gli indici delle blue chip sono stati caratterizzati da una flessione più marcata rispetto all'indice generale: il Mib30 ha perso nel mese il 15,7% (-33,1% rispetto a fine 2001), il Midex il 17,0% (-21,9%).

Continua la tendenza del segmento STAR a evidenziare una performance migliore di quella del mercato: il 30 settembre l'indice MibSTAR si è attestato a quota 822, con un calo dell'8,4% rispetto al mese precedente e del 9,6% rispetto a fine 2001.

Tutti e tre i macrosettori della Borsa hanno chiuso settembre con performance negative (Finanziari -17,7%, Industriali -12,1%, Servizi -10,4%); rispetto a fine 2001 Industriali segna una variazione di -17,3%, Servizi di -25,9% e Finanziari di -36,1%.

Tutti i principali settori (pari almeno all'1% della capitalizzazione) hanno evidenziato variazioni mensili negative; in particolare si sono segnalati Elettronici (-21,0%) e Assicurazioni (-19,4%). Rispetto a fine 2001 resta positivo il solo Impianti-Macchine (+3,3%) e contiene il calo Minerari (-1,7%), mentre spiccano le flessioni di Assicurazioni (-45,6%) e Auto (-41,4%).

La volatilità è tornata a livelli elevati, assestandosi al 29,4% per la Borsa e al 36,7% per il Nuovo Mercato. È rimasta sempre contenuta per il segmento STAR (13,9%).

Capitalizzazione e listino

Il calo dei corsi azionari ha ridotto la capitalizzazione delle società nazionali quotate, passata dai 495,5 miliardi di euro di fine agosto a 428,9 (pari al 34,3% del Pil). Nel dettaglio, la ripartizione dei mercati, vede la Borsa a quota 418,9 miliardi di euro, il Nuovo Mercato a 5,4 e il Mercato Ristretto a 4,5.

In settembre sono stati revocati i titoli Bonaparte (azioni ordinarie e di risparmio), a seguito della fusione in Risanamento Napoli, e Idra Presse a seguito di Opa residuale. Sono state inoltre revocate le azioni di risparmio Premuda.

Il numero di società quotate sui mercati azionari di Borsa Italiana è pertanto sceso a 293, una in meno di quelle di fine 2001. Nel dettaglio le società quotate sono 236 per la Borsa (di cui 5 estere), 45 per il Nuovo Mercato (1 estera) e 12 per il Mercato Ristretto.

A seguito di 482 ammissioni e 1.690 revoche, il numero degli strumenti quotati su MCW è sceso da 6.577 a 5.369, sotto il livello di fine dicembre (5.866).

Scambi

In settembre gli scambi azionari (157.000 contratti e 2,38 miliardi di euro al giorno) sono stati interessati da una ripresa dopo il calo stagionale di agosto. Per le azioni quotate in Borsa, la media giornaliera è stata di 148.000 contratti e 2,36 miliardi di euro (+22,2% e +35,7 rispetto ad agosto).

Tim è risultata nuovamente l'azione più scambiata per controvalore, con il 14,0% degli scambi totali, seguita da Eni (12,8%) e Telecom Italia (8,5%).

Nonostante il calo dei corsi, la dimensione media dei contratti ha ripreso a crescere: nella fase diurna della Borsa è passata dai 14.646 euro di agosto a 16.205.

Stabili i contratti per quanto riguarda gli scambi dei covered warrant (media giornaliera 20.100, -0,3% su agosto) accompagnati da una crescita del controvalore (media giornaliera 58,9 milioni di euro, +16.9%).

Anche gli scambi dell'after hours si sono mantenuti stabili: rispetto ad agosto la media giornaliera è passata da 6.067 a 5.935 contratti (-2,2%) e da 25,6 a 24,6 ML euro di controvalore (-3,9%).

Gli scambi dei titoli a reddito fisso del Mot sono stati anch'essi interessati dalla ripresa dei volumi di negoziazione: per i titoli di Stato la media giornaliera è salita da 471 a 602 milioni di euro (+27,8%), per le obbligazioni private da 20,8 a 32,5 (+55,6%).

Con scambi per 370 contratti e 12,7 milioni di euro al giorno, L'EuroMOT ha raggiunto un nuovo massimo storico, superando quello stabilito nell'agosto scorso.

Anche i volumi di negoziazione dei derivati azionari dell'IDEM, interessati dalla scadenza tecnica dei derivati su indice, hanno evidenziato una ripresa dell'attività di negoziazione. I futures sul Mib30 hanno fatto registrare una media giornaliera di 23.287 contratti standard (+53,8% rispetto ad agosto e dato più elevato dal settembre 2001); il miniFIB di 9.839 (+16,1%, con una media mensile seconda solo al massimo storico del luglio scorso); le opzioni sul Mib30 di 14.781 (+57,8%, dato più elevato dal settembre 2001); le opzioni su azioni di 29.023 (+22,5%). I futures su azioni, lanciati a fine luglio, hanno scambiato nel complesso 6.271 contratti standard, con una crescita dell'11% rispetto al mese precedente.

Giovedì 19 settembre, in concomitanza con il rollover collegato alla scadenza del giorno successivo, il miniFIB ha raggiunto il nuovo massimo storico di scambi in una singola seduta, con 16.193 contratti standard, superando il precedente livello di 15.080 stabilito il 16 luglio scorso. Nella stessa data sono stati scambiati 50.368 contratti standard di futures Mib30, nuovo massimo per l'anno 2002.

 

 

Milano, 9 ottobre 2002


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.