Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 
2000

 

001206novita


 

COMUNICATO STAMPA

BORSA ITALIANA SPA: IN NOVEMBRE RIPRESA DEGLI SCAMBI AZIONARI E NUOVO MASSIMO STORICO DEI CONTRATTI SUL MERCATO DEI DERIVATI

 A fine novembre le società quotate sui mercati di Borsa Italiana Spa hanno raggiunto il nuovo massimo storico di 289 (238 Borsa, 36 Nuovo Mercato, 15 Mercato Ristretto), per una capitalizzazione di 852 miliardi di euro, pari al 73,4% del PIL.

Il mese di novembre ha visto l'ingresso di 6 matricole, 4 in Borsa (Centrale del Latte Torino, Tod's, Risanamento Napoli e Cattolica Assicurazioni) e 2 sul Nuovo Mercato (Novuspharma e Fidia), portando il numero complessivo delle new entry del 2000 (al netto dei trasferimenti tra mercati) a 41, un numero superiore non solo alle 36 dello scorso anno ma anche alle 39 dell'anno boom 1986.

Gli scambi sull'azionario, con una media giornaliera di oltre 217.000 contratti e 3,49 miliardi di euro (azioni Borsa 3.427 milioni di euro, azioni Nuovo Mercato 63 milioni di euro, azioni Mercato Ristretto

3 milioni di euro), hanno portato il mese di novembre al 4° posto nella classifica dei mesi con maggiori scambi, dopo i picchi di febbraio (5,12 miliardi di euro), marzo (4,67) e gennaio (3,50).

La concentrazione degli scambi sulle azioni del MIB30 è scesa dall'80,4% di ottobre al 78,2% di novembre. La quota delle azioni del Midex è invece salita dal 3,7% al 4,1%.

Per i covered warrants, gli scambi sono saliti a una media giornaliera di 40.500 contratti e 156 milioni di euro, portando novembre a rappresentare, per scambi, il 3° mese dell'anno.

Per il Trading After Hours, novembre ha confermato la crescita della liquidità registrata a ottobre, con una media giornaliera di 7.600 contratti e 32,2 milioni di euro di controvalore scambiato.

Per il mercato dei derivati azionari (IDEM), il mese di novembre ha visto segnare il nuovo massimo storico dei contratti standard negoziati (con una media giornaliera di 60.700 a fronte del precedente massimo di gennaio pari a 60.000). Tale risultato è stato determinato dalla fortissima crescita degli scambi di opzioni su azioni, la cui media giornaliera è salita a 31.100 contratti standard al giorno (anche in questo caso nuovo massimo storico per la categoria). In particolare i contratti di opzioni su azioni hanno rappresentato più del 50% dei contratti scambiati sull'intero IDEM.

Stabili i contratti di opzione su indice, con una media di 11.100 contratti al giorno e il contratto futures su MIB30, con 15.100 contratti al giorno.

Cresce invece il miniFIB, il nuovo contratto futures che ha iniziato le negoziazioni il 3 luglio scorso, che ha raggiunto una media giornaliera di 3.400 contratti standard.

Milano, 6 dicembre 2000


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.