Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 

Glossario



Termine
Rateo
Categoria
Strumenti Finanziari Primari

Definizione
Il rateo indica l'ammontare di interesse o di dividendo che matura dall'ultima data di godimento sino alla data di liquidazione dell'operazione di vendita di un titolo.

Approfondimento
L'ammontare degli interessi o dei dividendi in corso di maturazione nel periodo che va dalla data di godimento (ad esempio dallo stacco dell'ultima cedola) al giorno di liquidazione dell'operazione di vendita del titolo rappresentano il rateo e sono di pertinenza del venditore. Pertanto, il rateo si somma al corso secco al fine di determinare il prezzo di vendita del titolo.
Il rateo è proporzionale al periodo di tempo trascorso:



Il calcolo del rateo può avvenire secondo diverse modalità che differiscono in funzione delle convenzioni utilizzate:
• actual/actual su base annuale. Il tasso di interesse viene diviso per i giorni dell'anno e moltiplicato per il numero di giorni effettivi dalla data di godimento (esclusa) alla data di liquidazione (inclusa);
• actual/actual su base periodale. Il tasso di interesse (espresso su base periodale, ad esempio semestrale) viene diviso per i giorni del periodo (ad esempio il semestre) e moltiplicato per il numero di giorni effettivi dalla data di godimento (esclusa) alla data di liquidazione (inclusa);
• actual/360. Il tasso di interesse viene diviso per 360 e moltiplicato per il numero di giorni effettivi dalla data di godimento (esclusa) alla data di liquidazione (inclusa);
• 30E/360. Il tasso di interesse viene diviso per 360 e moltiplicato per il numero di giorni "commerciali" dalla data di godimento (esclusa) alla data di liquidazione (inclusa);
• actual/365. Il tasso di interesse viene diviso per 365 e moltiplicato per il numero di giorni effettivi dalla data di godimento (esclusa) alla data di liquidazione (inclusa).
Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2011 - 07:17

Esempio
Si consideri un'obbligazione a tasso fisso con cedole trimestrali del 5%.
L'ultimo stripping (stacco) si è avuto il 01/06/2005.
In data 20/06/2005 gli interessi maturati (rateo) sono pari a:
Rateo = 5% x 20 giorni/365 giorni x 100 = 0,27%.

Argomenti Correlati
Corso Secco, Corso ex Cedola, Corso Tel Quel, Corso, Dietimo, Dietimo, Cedola

Indietro Nuova Ricerca

Per una guida all'uso del Glossario clicca qui



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.