Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 

Glossario



Termine
Obbligazione Convertibile
Categoria
Strumenti Finanziari Primari

Definizione
Titolo obbligazionario il cui possessore ha la facoltà di decidere se convertirlo in un titolo azionario (azioni di compendio) oppure no.

Approfondimento
Le obbligazioni convertibili sono titoli che si trovano in posizione intermedia tra i titoli obbligazionari e i titoli azionari. Il loro possessore ha la facoltà di decidere se rimanere creditore della società emittente per tutta la durata del prestito, oppure se, in determinati periodi, convertire il proprio status da creditore a socio (azionista) sulla base di un rapporto di cambio predeterminato (nel regolamento di emissione).
Gli elementi caratteristici di tale obbligazione sono:
• il metodo di conversione: diretto (qualora le azioni di compendio siano dello stesso emittente delle obbligazioni), o indiretto (qualora le azioni di compendio siano emesse da una società diversa dall'emittente delle obbligazioni);
• il prezzo di conversione (o rapporto di conversione), che esprime il numero di azioni ottenibili per ogni obbligazione;
• il periodo di conversione, che rappresenta il periodo (o i periodi) a partire dal quale è possibile chiedere la conversione.
La facoltà di conversione rappresenta un'opzione che viene implicitamente venduta dall'emittente al sottoscrittore; a fronte di ciò l'obbligazionista percepisce un rendimento calcolato in funzione di un tasso nominale inferiore a quello di un'obbligazione ordinaria di pari caratteristiche, poichè tale differenza risulta esere il premio dell'opzione.
Le obbligazioni convertibili non possono essere emesse a un prezzo inferiore al valore nominale e devono essere offerte in opzione ai soci.
Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2011 - 07:17

Esempio
Si consideri un prestito obbligazionario convertibile caratterizzato da un rapporto di conversione pari a 1/3 (ossia 1 azione di compendio ogni 3 obbligazioni possedute).
Dal rapporto di conversione si può ricavare il prezzo di conversione, ossia il prezzo (in termini di valore nominale dell'obbligazione) che dovrà essere pagato per ottenere una azione di compendio. Supponendo che il valore nominale di ogni obbligazione sia pari a € 6,00, risulta:

prezzo di conversione = € 6,00 x 1/3 = € 2,00

L'obbligazionista avrà vantaggio a convertire l'obbligazione qualora il prezzo di mercato dell'azione sia superiore a € 2,00.

Argomenti Correlati
Obbligazioni, Obbligazione a Tasso Fisso, Obbligazione Strutturata, Obbligazione Callable, Obbligazione Cum Warrant, Diritti di Conversione, Azione di Compendio, Prezzo di Conversione, Valore di Conversione, Periodo di Conversione, Premio di Conversione, Premio di Emissione, Put Warrant, Rapporto di Conversione, Warrant, Obbligazioni Bancarie

Indietro Nuova Ricerca

Per una guida all'uso del Glossario clicca qui



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.