Cookie
Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.
 

Glossario



Termine
Delta
Categoria
Strumenti Finanziari Derivati

Definizione
Indicatore che esprime la variazione del prezzo di uno strumento derivato associata alla variazione (di un punto percentuale) del prezzo dell'attività sottostante.

Approfondimento
Il delta rappresenta la derivata prima del prezzo di uno strumento derivato rispetto al prezzo dell'attività sottostante (underlying asset).

dove ?f rappresenta la variazione del prezzo dello strumento derivato generata da una variazione pari a ?S nel prezzo dell'underlying.

In figura 2 il delta rappresenta la pendenza della retta tangente alla curva in ogni suo punto; si noti che in corrispondenza di diversi prezzi del sottostante la tangente assume pendenze diverse.
Il delta non è un indicatore statico, ma si modifica nel corso del tempo a seguito di variazioni del prezzo del sottostante. In particolare, nel caso di opzioni (o warrant) call il delta assume sempre un valore compreso tra 0 e 1, mentre nel caso di opzioni (o warant) put assume sempre valori compresi tra -1 e 0. Sia per gli strumenti di tipo put che per gli strumenti di tipo call, il delta aumenta all'aumentare del prezzo dell'underlying e diminuisce al diminuire di quest'ultimo.
Con l'avvicinarsi della scadenza dello strumento derivato il delta tende ad assumere valori pari a 1 oppure -1 rispettivamente per gli strumenti "in the money" di tipo call o put, tende ad assumere valori pari a zero per gli strumenti "out of the money", infine tende ad assumere valori pari a 0,5 per gli strumenti "at the money". Pertanto il delta rappresenta anche la probabilità che il derivato scada in the money oppure out of the money.
Il delta viene anche utilizzato per determinare la quantità di attività sottostante, equivalente ad una quantità unitaria di strumento derivato:
quantità del sottostante = numero di contratti derivati x delta x lotto minimo
Il delta è particolarmente utilizzato per le operazioni di copertura mediante opzioni denominate delta hedging in quanto mantenendo una posizione corta su un'opzione call e contestualmente una quantità di attività sottostanti l'opzione pari a delta si ottiene un portafoglio in cui i guadagni/perdite sul sottostante tendono ad essere compensati dalle perdite/guadagni sull'opzione e viceversa.
Ultimo Aggiornamento: 17 gennaio 2011 - 07:17

Esempio
In data 18/09/2005 il titolo della società X vale 8€; l’opzione call sul titolo ha prezzo di 0,3€.
In data 18/09/2005 il titolo ha una quotazione di 8,3€; l’opzione call sul titolo ha prezzo di 0,5€.
d = (0,5 – 0,3)/(8,3 – 8) = 0,66.
Ciò vuol dire che l’opzione ha una probabilità del 66% di scadere in the money.

Un investitore acquista 15 opzioni sul titolo X, con strike price pari a 20€ e lotto minimo di 50 titoli. Il delta vale 0,3
Il titolo ha una quotazione pari a 22€.
La posizione equivalente in titoli X è: 15 opzioni x 0,3 x 50 titoli = 225 titoli.

Argomenti Correlati
Opzioni, Gamma, Rho, Theta, Vega, Delta Neutral, Copertura, Hedging, Phi, Rho - Div, Covered Warrant

Indietro Nuova Ricerca

Per una guida all'uso del Glossario clicca qui



Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.