Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Molte società di successo, private o caratterizzate dalla presenza nel capitale di investitori istituzionali, affrontano un momento in cui valutano l'ipotesi di quotarsi in Borsa. Per esempio la società ha un piano di nuovi investimenti da finanziare o vuole affrontare un ricambio generazionale. Oppure ancora, alcuni membri della famiglia fondatrice o investitori istituzionali cercano un'opportunità per uscire dall'investimento.

La quotazione in Borsa offre una risposta a queste sfide e rappresenta una scelta chiave per il futuro dell'azienda. Pertanto una società deve valutare attentamente tutti gli aspetti della quotazione e le implicazioni che lo status di società quotata implica sulla gestione aziendale.

L’accesso al mercato dei capitali tramite la quotazione in Borsa è uno strumento importante per tutte quelle imprese che desiderano confrontarsi in scenari competitivi sempre più complessi che richiedono visione strategica, piani industriali solidi e importanti capitali per realizzarli.

Alcuni dati che supportano tale affermazione:

  • le imprese quotate sono caratterizzate da elevati tassi di sviluppo che la quotazione aiuta a mantenere nel tempo: il fatturato cresce pre-quotazione del 22% annuo e del 18% dopo, a fronte di un dato medio del 7%
  • 4 imprese su 5 dichiarano che senza la quotazione il tasso di sviluppo aziendale sarebbe stato inferiore
  • il 40% delle risorse raccolte in sede di Initial Public Offering sono destinate all’attività di crescita per linee esterne: il 70% delle imprese effettua almeno un’acquisizione e mediamente si osservano, post-quotazione, 4 acquisizioni per impresa
  • in corrispondenza dell’accesso al mercato azionario le imprese effettuano significativi investimenti: il tasso di investimento annuo passa dal 15% pre-quotazione al 23% negli anni successivi.

Affinché la quotazione in Borsa sia positiva per la società, è importante attrarre l’interesse degli investitori e per far ciò è necessario essere in possesso di requisiti formali e sostanziali.

REQUISITI SOSTANZIALI

  • Orientamento alla creazione di valore
  • Strategia chiara e fedelmente riportata nel piano industriale
  • Buon posizionamento competitivo
  • Struttura finanziaria equilibrata
  • Autonomia gestionale
  • Marginalità in crescita
  • Organizzazione manageriale

REQUISITI FORMALI

  • Si tratta, ad esempio, di requisiti relativi alla certificazione del bilancio, alla governance, alla capitalizzazione, al flottante, etc.
  • Il segmento che richiede un maggior impegno in termini di adempimenti formali è STAR
  • I mercati che offrono una maggior flessibilità sono i mercati regolamentati direttamente dalla Borsa
  • È importante leggere i requisiti formali e quelli sostanziali congiuntamente: la sola rispondenza ai requisiti formali non comporta necessariamente l’apprezzamento da parte del mercato


La procedura di ammissione a quotazione sui mercati MTA e AIM Italia è gestita online tramite QUiCK, QUOTATION in a CLICK.

Scarica i corrispettivi di quotazione in vigore dal 20 marzo 2017(pdffile pdf - 758 KB)

Ultimo aggiornamento:  17 Marzo 2017 - 17:32

Come quotarsi