Invesco

logo

Cosa annunciano i recenti sviluppi nel settore della finanza sostenibile

Per gli esperti di Invesco il regolamento SFDR punta ad affrontare il problema del greenwashing introducendo requisiti di trasparenza per tutti i partecipanti e i prodotti dei mercati finanziari

Si intensificano gli sviluppi normativi nell’UE e a livello internazionale, destinati a regolamentare il panorama della finanza sostenibile nel breve e nel medio termine. “Le società dovrebbero prepararsi a implementare alcune misure chiave come dichiarazioni di trasparenza, due diligence e framework di classificazione, oltre a cercare di anticipare le iniziative imminenti” sottolineano gli esperti di Invesco.

 

IL REGOLAMENTO UE SFDR

La prima importante tappa è stata l’entrata in vigore nello scorso mese di marzo del Regolamento UE relativo all’informativa sulla sostenibilità nel settore dei servizi finanziari (SFDR). Ci attende un lungo processo nel corso del quale i responsabili delle politiche dell’UE saranno chiamati a sviluppare ulteriormente il framework e la legislazione annessa. “Il regolamento SFDR punta ad affrontare il problema del greenwashing (il cosiddetto ecologismo di facciata) introducendo requisiti di trasparenza per tutti i partecipanti e i prodotti dei mercati finanziari” ricordano i manager di Invesco.

 

TRE AMPI PILASTRI

Il regolamento comprende tre ampi pilastri: l’integrazione dei rischi di sostenibilità, il principale impatto avverso e i prodotti sostenibili. “Alle aziende è richiesto di dichiarare sul proprio sito come intendono integrare i rischi di sostenibilità nel proprio processo decisionale, e in che misura tali politiche si riflettono nei piani aziendali di remunerazione. Le aziende devono anche includere informazioni sull’integrazione dei rischi di sostenibilità nelle informative pre‑contrattuali dei propri prodotti” spiegano i professionisti di Invesco. L’altro pilastro prevede che le aziende dichiarino se nei propri processi decisionali considerano l’impatto negativo dei propri investimenti sui fattori di sostenibilità, pubblicando inoltre dichiarazioni relative alle proprie politiche di due diligence e pratiche di engagement.

 

ARTICOLO 8 E ARTICOLO 9

Per quanto riguarda poi il capitolo relativo ai prodotti sostenibili, il regolamento SFDR fa una distinzione tra quelli che promuovono caratteristiche ambientali o sociali (spesso definiti “Articolo 8”) e quelli che hanno per obiettivo l’investimento sostenibile (“Articolo 9”).

“La sfida principale del nuovo framework è rappresentata dalla mancanza di chiarezza e coerenza riguardo a come le società dovrebbero classificare i propri fondi ambientali, sociali e di governance (ESG) come Articolo 8 o Articolo 9, con il risultato che le aziende stanno adottando approcci molto differenti in preparazione alla scadenza per

l’implementazione di marzo” puntualizzano gli esperti di Invesco.

 

UNA PREFERENZA IN MATERIA DI SOSTENIBILITA’

A questa incertezza si aggiunge inoltre il rischio di divergenza dei regolamenti nazionali. La Commissione europea ha ritenuto di valutare di introdurre, nell’ambito della propria strategia per la finanza sostenibile, requisiti minimi per i prodotti Articolo 8. Più in generale, nel caso l’investitore segnali una preferenza in materia di sostenibilità, il regolamento determina l’idoneità dei prodotti non secondo la classificazione SFDR di Articolo 8 o Articolo 9, ma in base a tre criteri: l’esposizione minima a investimenti allineati alla tassonomia, l’esposizione massima a investimenti sostenibili (come definiti dal SFDR) e la considerazione del principale impatto avverso.

 

Scopri di più sui principali sviluppi normativi in tema ESG

 

Informazioni importanti

Questa comunicazione di marketing è per pura finalità esemplificativa ed è riservata all'utilizzo da parte dei Clienti Professionali in Italia. Non è destinata e non può essere distribuita o comunicata ai clienti al dettaglio.

Si prega di non redistribuire.

Le informazioni riportate in questo documento sono aggiornate a ottobre 2021, salvo ove diversamente specificato.

Le opinioni espresse da professionisti o da un centro di investimento d'Invesco si basano sulle attuali condizioni di mercato, possono differire da quelle espresse da altri professionisti o centri d'investimento e sono soggette a modifiche senza preavviso.

II presente documento è stato comunicato in Italia da Invesco Management S.A., President Building, 37A Avenue JF Kennedy, L-1855 Luxembourg, regolamentata dalla  Commission de Surveillance du Secteur Financier, Luxembourg.

 

I nostri articoli

di Invesco

La rivoluzione promossa dai nuovi regolamenti sulla finanza sostenibile in Europa

La finanza e gli investimenti sostenibili continuano ad acquistare popolarità, soprattutto in Europa, all’avanguardia in questo campo. Invesco fa il punto sui nuovi regolamenti in questo campo. Continua a leggere

 

Ecco come accedere a tutto il potenziale di crescita della Cina

Invesco MSCI China All Shares Stock Connect, il primo ETF "All Shares" cinese in Europa, apre le porte alla Cina, favorendo l'accesso alla più ampia gamma di opportunità di crescita del Paese. Continua a leggere

 

Puntare sull’energia pulita con le nuove soluzioni energetiche emergenti

Invesco Global Clean Energy UCITS ETF si propone di replicare l'indice WilderHill New Energy Global Innovation, il primo al mondo del suo genere focalizzato sulle soluzioni a energia pulita. Continua a leggere

 

Ecco l’ETF per l'accesso immediato agli innovatori di domani

Il nuovo Invesco Nasdaq Next Generation 100 UCITS ETF permette di accedere ai protagonisti dell'innovazione. Continua a leggere

 

Ecco l’ETF che si evolve con la crescita della tecnologia blockchain

Per accedere al potenziale nascosto nella corsa alla blockchain Invesco ha messo a punto Elwood Global Blockchain UCITS ETF, il cui portafoglio si evolve con lo sviluppo e la diffusione di questa innovativa tecnologia. Continua a leggere

 

Invesco ESG Survey 2020, ecco i risultati

Continua a crescere il numero di chi sceglie di allineare gli investimenti ai propri valori e al rispetto delle questioni sociali e ambientali. Continua a leggere

 

Una guida per confrontare gli ETF ESG

La gamma di ETF ESG di Invesco punta a fornire soluzioni trasparenti ed efficienti agli investitori che intendano assumere un'ampia esposizione, simile a quella di un benchmark standard ma con un profilo ESG notevolmente migliorato. continua a leggere

 

ETF obbligazionari: come sceglierli?

Le aree chiave da analizzare negli ETF obbligazionari core sono sostanzialmente tre: costi, replica del portafoglio e trading. continua a leggere

 

Il mercato del credito aggiunge valore al portafoglio

Per Invesco i livelli di spread e di rendimento del corporate investment grade e del comparto high yield rendono l’obbligazionario interessante in ottica investimento.continua a leggere

 

ETC sull’oro fisico, la risposta di Invesco per proteggersi dall’alta volatilità

Oro fisico, un’interessante soluzione per i periodi di volatilità e incertezza. Invesco Physical Gold ETC consente di investire in modo semplice, efficiente ed economico. continua a leggere

 

Obbligazioni euro, ecco come sfruttare le nuove opportunità sul mercato

Invesco Euro Bond Fund combina una scrupolosa asset allocation, con operazioni relative value e una rigorosa selezione di titoli: un mix di qualità per cogliere le nuove opportunità venutesi a creare con questa crisi sui mercati obbligazionari in eurocontinua a leggere

 

Come investire nel brevissimo termine sfruttando il mercato del credito

Per Invesco, in momenti di forte volatilità sui mercati, il credito di alta qualità a breve termine può essere una scelta vincente in ottica investimento.continua a leggere


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.