L’It lombardo approda in Borsa

Aim Italia ha accolto due aziende tecnologiche fondate nella regione locomotiva d’Italia. Con specializzazioni diverse, ma accomunate dal ruolo di primo piano recitato nei rispettivi ambiti e dall’attenzione alla sostenibilità



The Van Group, 07 Gen 2021 - 10:30

“It”, come tutti sanno, sta per “Information technology”, ma a volte si può sottolineare con orgoglio la coincidenza di quell’acronimo con le prime due lettere di “Italia”. È il caso di Reti e Sourcesense, due aziende tricolori (lombarde, per la precisione) leader di settore che negli scorsi mesi di agosto e settembre sono entrate nell’indice Aim Italia.

it lombardo 1

 

Innovazione nell’ex cotonificio

Reti Spa, tra i principali player italiani nel settore dell’It Consulting, ha debuttato lo scorso settembre su Aim Italia. Sono stati collocati circa 2,9 milioni di euro, con una domanda complessiva pari a circa 1,3 volte l’offerta.

Fondata a Busto Arsizio nel 1994 da Bruno Paneghini, Reti supporta le Mid & Large Corporate nella trasformazione digitale. Ha più di 300 dipendenti e vanta un portafoglio di oltre 100 clienti. Una delle sue caratteristiche è il “Campus Tecnologico”: un laboratorio interno di innovazione e ricerca suddiviso in sei Centri di Competenza: Cloud, Business & Artificial Intelligence, Cybersecurity, Project Management & Business Analysis, ERP e IoT. Il Campus occupa oltre 20mila metri quadrati in uno smart building derivante dalla riconversione dello storico cotonificio Venzaghi.

Reti è anche una società Benefit, la prima del suo settore ad accedere al mercato Aim Italia. Si tratta di una forma di società a scopo di lucro caratterizzata da un livello più alto di trasparenza e accountability, che dà agli investitori la certezza che un’azienda mantenga la responsabilità di perseguire la propria missione nel futuro. Reti ha inoltre pubblicato il primo Esg Report e ha intrapreso il percorso per l’ottenimento della qualifica B-Corp, per la quale è necessario soddisfare rigorosi standard di scopo, responsabilità e trasparenza.

it lombardo 3

A proposito del collocamento su Aim Italia, Bruno Paneghini, Presidente e Amministratore Delegato di Reti, ha dichiarato: «Siamo molto orgogliosi per il raggiungimento di questo traguardo che ci permetterà di sostenere la strategia di M&A unitamente all’accelerazione del nostro programma di sviluppo organico con focus sul Campus Tecnologico, che rappresenta l’asset strategico di Reti».

Reti ha chiuso il primo semestre 2020 in crescita, con un Ebitda del 21% e un utile netto del 72%. Il Valore della Produzione è risultato pari a 10,60 milioni di euro, +1,7% rispetto a 10,42 milioni di euro del 2019. L’incremento è imputabile al consolidamento delle attività presso i clienti storici e all’ampliamento del portafoglio clienti a livello nazionale e internazionale, sviluppato anche attraverso l’acquisizione di commesse con migliori marginalità. La crescita è stata trainata dalla linea It Solutions, che costituisce il segmento principale con un’incidenza del 60% sui ricavi del primo semestre 2020 e dal segmento Managed Service Provider (che rappresenta il 16% dei ricavi).

it lombardo 2

 

Leader nell’Open Source

Un’altra azienda tecnologica lombarda che si è recentemente quotata è Sourcesense. Si tratta di una società, operante nel settore It sui mercati italiano ed inglese, leader nelle soluzioni cloud-native basate su tecnologie Open Source. Affianca aziende appartenenti a tutti i settori di attività (Industria & Servizi, Telco & Utility, Editoria & Media, Banking & Insurance, Fashion & Gaming e Pubblica Amministrazione). Impiega oltre 130 dipendenti e ha sedi a Roma, Milano, Cosenza e Londra. Ha chiuso il 2019 con circa 14,5 milioni di euro di ricavi delle vendite.

Nel corso del 2020, Sourcesense ha ottenuto lo status di Pmi innovativa, ha portato a compimento il processo di qualificazione come società Elite (era entrata nel gennaio 2017) e concluso con successo, lo scorso agosto, il percorso di quotazione sull’Aim Italia. La società ha raccolto 3,5 milioni di euro, di cui 0,5 milioni riservati all’esercizio dell’opzione greenshoe. Nei giorni successivi, la valutazione del titolo è quasi triplicata, per poi riassestarsi, mantenendo però una quotazione nettamente superiore rispetto al collocamento.

Nel 2020 Sourcesense ha fatto anche il suo ingresso nello United Nation Global Compact, l’iniziativa strategica di cittadinanza d’impresa più grande al mondo. Il suo scopo è mobilitare aziende e stakeholder in tutto il pianeta puntando l’attenzione su principi universali come sostenibilità, diritti umani, ambiente, lotta alla corruzione.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.