Il Covid ridisegna il mercato degli integratori alimentari

Eccellenza a livello continentale, la filiera italiana risponde ai cambi di abitudine legati alla pandemia



29 Set 2021 - 12:33

La nostra filiera degli integratori alimentari rappresenta un’eccellenza sia a livello di consumi che di produzione. L’Italia è infatti il principale mercato in Europa, con il 30% del totale. La pandemia ha inciso molto sul settore, senza intaccare particolarmente i volumi generali ma mutando le proporzioni fra le varie tipologie di prodotti.

A guidare il mercato sono gli integratori di vitamine e minerali con 673 milioni di fatturato, seguiti dai prodotti per il benessere gastrointestinale e dai probiotici. Ma il Covid-19 ha modificato lo scenario: a crescere sono stati soprattutto gli integratori vitaminici (+64%), i prodotti per il controllo del colesterolo (+39%) e quelli per sonno e rilassamento (+24%).

 

Difesa immunitaria, ansia e sonno

Bios Line, player degli integratori naturali, ha chiuso il 2020 in crescita del 8% e con un fatturato intorno ai 35 milioni di euro. Secondo il Ceo Paolo Tramonti, «il Covid ha impattato nel settore benessere-bellezza modificando le richieste dei consumatori. In particolare, durante e dopo il lockdown, sono crollate le vendite di cosmetici viso e corpo, prodotti di make-up e prodotti solari, mentre sono cresciute in maniera esponenziale le richieste di vitamina C e D e Immulene, integratori che aiutano a sostenere la difesa immunitaria. Un periodo di incertezza che genera ansie e lo riscontriamo dall’ampia richiesta verso il nostro ultimo prodotto Vitacalm Ansistop, realizzato proprio per aiutare a placare ogni tipo di ansia».

 

I principali player

Tra i maggiori player italiani, spicca la performance di Enervit. Nel primo semestre 2021 è tornato all’utile (2,6 milioni contro la perdita di 2,1 milioni accusata nel primo semestre 2020 segnato dal lockdown). Ha recentemente lanciato Enervit Nutrition System, app in grado di calcolare il bisogno nutritivo per tipo di sport e consigliare quali alimenti della gamma Enervit utilizzare.

Enervit è particolarmente impegnata in ricerca e qualità, e profondamente radicata nel territorio italiano, dove produce le sue principali linee di integratori. I prodotti Enervit nascono nella fabbrica di Zelbio, una località montana dall’aria incontaminata. Le materie prime utilizzate sono tutte non Ogm.

Un’altra grande realtà italiana è Matt, marchio di proprietà di A&D. Nel 2020, è entrata a far parte del Gruppo B.F. – quotata sul mercato azionario –, a capo di un gruppo di società che operano nel settore agro-industriale, zootecnico e dei servizi tecnologici innovativi a favore degli operatori del settore agricolo. Tra queste, Bonifiche Ferraresi che, con i suoi 7.750 ettari (al 100% in Italia), è la più grande azienda agricola italiana per Superficie Agricola Utilizzata. Da qui ha avuto origine una nuova holding del gruppo, dal nome Progetto Benessere Italia.

 


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.