Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione di terze parti per proporti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per maggiori informazioni, ti invitiamo a consultare la nostra cookie policy. Cliccando su “Continua” o proseguendo nella navigazione acconsenti all’utilizzo di tali cookie.

Piccole aziende crescono

Le Pmi riacquistano forza dopo un periodo di crisi. Uno stato di salute testimoniato anche dalle crescenti quotazioni su AIM Italia



The Van, 07 Ago 2018 - 08:49

Sono il cuore pulsante dell’economia italiana. E, dopo un periodo di crisi, stanno tornando “quelle di un tempo”. Stiamo parlando delle Pmi, vera e propria spina dorsale dell’economia italiana, come conferma l’ultimo report dell’ufficio studi di Confcommercio: su 4.338.766 imprese, 4.335.448 (il 99,9%) sono, infatti, piccole e medie imprese. Inoltre, la quasi totalità di queste (il 95%) è costituita da imprese con meno di 10 addetti. Il resto è formato da imprese che impiegano da 10 a 49 addetti (196.090 unità, pari al 4,5%), mentre quelle di taglia più grande (da 50 a 249 addetti) sono appena 21.867, ossia lo 0,5% del totale. Le Pmi, soprattutto quelle con meno di 10 addetti, si concentrano nel terziario (circa il 76% del totale), in particolare nelle attività immobiliari, di informatica, di ricerca e di altre attività professionali (25,2%) e nel commercio al dettaglio (16,5%).

pmi

Quotazioni in crescita

Ma se sono proprio queste aziende ad aver subito più duramente la crisi dell’ultimo decennio, i dati dell’ultimo rapporto Cerved, prodotto dal più grande information provider italiano, dimostrano una netta inversione di tendenza: nel quadro scopriamo che ricavi e margini sono saliti, così come è ricresciuto il numero delle imprese, ne è calata drasticamente la mortalità, è invece salita la liquidità, la capacità di autofinanziamento, la solidità finanziaria, si sono ridimensionati i tempi di pagamento dei fornitori e i tassi di ingresso in sofferenza. Sono anche tornati gli investimenti.

Uno stato di salute, quello delle Pmi, dimostrato anche dalle ultime quotazioni su AIM Italia, il segmento di Borsa Italiana dedicato alle small cap, con nomi come Longino & Cardenal, Monnalisa, Intred, Portobello, Sciuker. Scopriamole più nel dettaglio.

pmi

Qualità vincente

Longino & Cardenal, nonostante il nome possa dire poco ai non addetti ai lavori, è un punto di riferimento per la ristorazione di alta qualità. La società si occupa infatti di fornire a ristoranti e alberghi cibi rari e preziosi, sempre alla ricerca dei futuri trend gastronomici. Dal foie gras al plancton marino, l’offerta è quanto mai variegata e soddisfa un portafoglio di circa 4.500 clienti, di cui fa parte l’80% dei ristoranti stellati italiani.

Campo diverso quello di Monnalisa, specializzata nel childrenswear (abbigliamento per bambini), tra le premiate nell'edizione 2017 di Welfare Index Pmi, iniziativa di Generali Italia per le attività di welfare aziendale. L’impresa, nata come bottega artigianale negli anni 60 e in grado oggi di fatturare oltre 40 milioni annui, con più di 100 negozi e circa 170 addetti, è vista come modello per il sostegno alla maternità coniugata al lavoro femminile, all'armonia tra vita privata e lavoro e alle pari opportunità.

Tra media e tecnologia

Spostandoci nel settore media & advertising troviamo Portobello, che si occupa di acquisto e rivendita di spazi pubblicitari classici, retail (con negozi e portale di vendita e-commerce) e rivendita di parte delle rimanenze di magazzino nei canali B2B. La società ha chiuso il 2017 con ricavi pari a 10 milioni di euro e un margine operativo lordo di 500mila euro.

Intred, invece, è un’azienda bresciana nel settore delle telecomunicazioni e dei servizi internet, si rivolge a clienti business e retail (oltre 14 milioni il fatturato nel 2017).

pmi

Sciuker, tra innovazione e sostenibilità

L’ultima azienda in ordine di tempo a quotarsi su AIM, il 3 agosto, è Sciuker Frames, che a dispetto del nome è una realtà italianissima, nata ad Avellino, nata 25 anni fa dall’idea imprenditoriale di Marco e Romina Cipriano: attiva nella realizzazione di infissi in legno alluminio è il secondo player in Italia, con una quota di mercato del 14,3% nel 2017. Il segreto del successo? L’investimento nella ricerca, cui è destinato il 2,3% del fatturato: dal 2001, all’interno dello Sciuker Lab, ingegneri, architetti e designer elaborano strategie inedite per il settore.


Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.


Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi.